La procura di Manhattan sta indagando Trump per frode bancaria? L’indiscrezione del New York Times

Il presidente Usa sarebbe stato sollecitato a consegnare le dichiarazioni fiscali e aziendali degli ultimi 8 anni

Secondo il New York Times, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump sarebbe stato sollecitato a consegnare le dichiarazioni fiscali personali e aziendali degli ultimi 8 anni. E questo, secondo quanto fatto capire dall’ufficio del procuratore di Manhattan Cyrus Vance, potrebbe significare una vera e propria indagine per frode bancaria e assicurativa.

Non si specifica per il momento il focus dell’inchiesta ma la procura si starebbe basando su «indiscusse notizie», che avrebbero dato base legale per la richiesta fatta al tycoon. Queste «indiscusse notizie» sarebbero quelle date dalla stampa lo scorso anno: una serie di articoli in cui si sostiene che l’attuale presidente degli Stati Uniti potrebbe aver gonfiato illegalmente il suo capitale e il valore delle sue proprietà agli occhi di banche e assicurazioni.

Leggi anche: