Azzolina e il concorso da dirigente scolastico: «Io auto-assunta? L’ho regolarmente superato»

La ministra dell’Istruzione risponde alle accuse di conflitto di interesse sul concorso del 2017 a dirigente scolastico: «Avevo tutto il diritto di farlo. Salvini? Non sa di cosa parla»

Lucia Azzolina risponde colpo su colpo alle parole di Matteo Salvini che alcuni giorni fa ha accusato la ministra dell’Istruzione di conflitto di interesse. Al centro del botta e risposta c’è il concorso da dirigente scolastico del novembre 2017, che Azzolina ha vinto.

Salvini aveva parlato di circostanza «vergognosa»

Qualche giorno fa Salvini aveva detto: «Vergognoso, Azzolina stabilizza se stessa, cosa sarebbe successo se lo avessi fatto io?». Salvini aveva definito la circostanza «inopportuna, imbarazzante e vergognosa», per quanto «legalmente ineccepibile».

La risposta della ministra è arrivata via Facebook: «Salvini mi accusa di essermi “auto-assunta”? Continua a non azzeccarne una sulla scuola! Ancora una volta, l’ennesima, non sa di cosa parla. Non è certo il ministro che può decidere di bloccare o non bloccare una graduatoria, fortunatamente». Azzolina ha spiegato di essersi «iscritta alle prove del concorso nel 2017 quando ero solo una docente e l’ho regolarmente superato. Avevo pienamente il diritto di farlo».

Salvini mi accusa di essermi “auto-assunta”? Continua a non azzeccarne una sulla scuola! Ancora una volta, l’ennesima,…

Pubblicato da Lucia Azzolina su Sabato 8 agosto 2020

La ministra, quindi, ha aggiunto: «Ci sono migliaia di persone che hanno fatto un concorso da dirigente scolastico, lo hanno vinto, e aspettano di essere assunte. A maggior ragione in periodo di emergenza queste assunzioni servono, anche per limitare il fenomeno delle reggenze. Cosa propone Salvini? Di non assumere perché fra i vincitori di quel concorso del 2017 figuro anche io?».

Leggi anche: