Bonus Partita Iva, «Tre della Lega, uno M5S e uno di Italia Viva». Ma ci sono anche governatori e sindaci nella lista della vergogna

Il presidente della Camera Fico ha chiesto ai cinque parlamentari di farsi avanti, restituire i soldi e dimettersi. Dello stesso parere anche Di Maio e Salvini. Nel frattempo sui social avanza l’onda di chi chiede le loro dimissioni

Dopo la rivelazione dei cinque deputati (e un conduttore televisivo) che avrebbero ricevuto il bonus Covid di 600 euro all’Inps (diventato 1.000) fatta da Giovanna Vitale su La Repubblica, è caccia grossa ai nomi dei cinque campioni di solidarietà. Per il momento è nota soltanto la loro appartenenza politica, svelata dalla giornalista in un successivo articolo: tre sarebbero della Lega, uno del Movimento 5 Stelle e uno di Italia Viva. In realtà, oltre ai cinque sarebbero coinvolti ben duemila politici tra assessori regionali, consiglieri regionali e comunali, governatori e sindaci.

Caccia grossa ai nomi

Da quando l’articolo della giornalista è andato in stampa, sono partite telefonate dei parlamentari di ogni schieramento alla ricerca di particolari per poter risalire ai nomi dei loro colleghi. C’è chi si dice sgomento, chi scandalizzato, chi promette un’interrogazione parlamentare al ministero competente. La stessa giornalista su Twitter si è rivolta al presidente della Camera Roberto Fico per individuare gli “eroi” e chiedere quantomeno di restituire il bonus.

Nel frattempo anche negli ambienti istituzionali c’è un po’ di disagio per la fuga di notizie. Verso ora di pranzo Fico ha rotto il silenzio con una dichiarazione in cui chiedeva ai parlamentari di farsi avanti, restituire i soldi e dimettersi. Poco dopo con un post su Facebook il ministro degli Esteri Luigi di Maio ha preso le distanze dal comportamento definito «vergognoso» e «inaccettabile», sfidando le cinque persone ad «uscire allo scoperto» per restituire i soldi, chiedere scusa agli italiani e, infine, dimettersi.

Gli fanno eco Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia, uniti nel chiedere la verità e le dimissioni dei colpevoli, con Giorgia Meloni che alza il tiro e accusa il governo di incompetenza per non aver previsto alcun tetto di fatturato e di reddito per il bonus.

Va oltre il leader dell’opposizione Matteo Salvini, che chiede le dimissioni di tutti, dai 5 deputati beneficiari – ai membri del governo che hanno predisposto i bonus con i decreti Cura Italia e Rilancio-, ai dirigenti dell’Inps che li hanno erogati e «che non hanno ancora pagato la cassa integrazione a migliaia di lavoratori».

Non sembra essere dello stesso avviso il deputato leghista Claudio Borghi che, dopo aver chiarito che neppure lui conosce i cinque nomi più ricercati d’Italia, su Twitter dice che la colpa è soltanto del governo che ha predisposto il bonus e «non di certo di chi ha usato la legge per come era scritta». Dopo qualche ora – e dopo la pubblicazione del secondo articolo che identificava tre dei deputati come appartenenti alla Lega – Salvini ha commentato nuovamente la vicenda, questa volta per chiedere la loro sospensione immediata, anziché le dimissioni.

In tarda serata è arrivato anche il tweet del capo politico del M5s Vito Crimi: «Mi auguro non sia vero che tra i 5 parlamentari che hanno richiesto il bonus Inps possa esserci qualcuno del Movimento 5 stelle. Se così fosse , ha avvertito Crimi – chiunque sia, sappia che oltre alla “confessione” è meglio che presenti anche le dimissioni da parlamentare. Per me è già fuori dal Movimento». Come ha ricordato Di Maio, i nomi sono coperti dalla legge sulla privacy. È la struttura antifrode dell’Inps (Direzione centrale Antifrode, Anticorruzione e Trasparenza) ad essersene accorta e ad aver fatto la segnalazione.

Adesso bisognerà aspettare domani la riapertura degli uffici dell’Inps per vedere come risponderanno a chi – con crescente insistenza, anche sul web con l’hashtag #Fuoriinomi – di rivelare l’identità dei cinque parlamentari e per capire cosa intendono fare, visto che i deputati in questione avrebbero diritto a tenersi il bonus Covid. Sempre che non siano loro a cedere alla vergogna.

Leggi anche: