Coronavirus: scoperto il meccanismo che scatena la MIS-C, l’infiammazione nei bambini con Covid-19

La malattia è stata spesso confusa con la sindrome di Kawasaki. Ora la ricerca condotta dai ricercatori del Bambino Gesù di Roma con gli scienziati di Stoccolma fa un po’ di chiarezza

Uno studio partito da Roma ha individuato un meccanismo che scatena le infiammazioni nei bambini legate al Coronavirus. La ricerca pubblicata su Cell dei ricercatori dell’ospedale pediatrico Bambin Gesù con il Karoliska Institutet di Stoccolma punta a fare maggiore chiarezza sulla MIS-C, la malattia con gravi infiammazioni che finora era stata spesso confusa con la sindrome di Kawasaki.


L’equivoco dietro le diagnosi era dovuto al fatto che le due patologie hanno manifestazioni molto simili, ma con caratteristiche immunologiche diverse. Si tratta di sintomi legati alla vasculite, infiammazione dei vasi sanguigni, problemi cardiaci, problemi intestinali e aumento dello stato infiammatorio. La vasculite in particolare si presenta come sintomo in comune tra la MIS-C, possibile causa dell’infezione da SARS-Cov2, e la sindrome di Kawasaki.

Lo studio

La ricerca ha rilevato che in entrambe le malattie, Kawasaki e MIS-C, è presente un’alterazione dei livelli delle citochine (mediatori dell’infiammazione) coinvolte nella risposta immunitaria. Tuttavia ci sono delle differenze: l’interleuchina 17a, proteina pro-infiammatoria, per esempio, è risultata particolarmente aumentata nei bambini con malattia di Kawasaki ma non in quelli con Covid-19 e MIS-C.

Rispetto ai bambini con Kawasaki, nei pazienti affetti da Covid che sviluppano MIS-C, è stata individuata poi un’elevata presenza di auto-anticorpi, cioè di anticorpi diretti contro particolari porzioni di tessuto cardiaco o sostanze propri dell’organismo stesso, che agiscono contro due specifiche proteine (endoglina e RPBJ). Questi auto-anticorpi possono determinare il danno vascolare e cardiaco tipico della MIS-C.

Anche dal punto di vista cellulare sono emerse differenze sostanziali tra le due patologie. I bambini affetti da Covid, infatti, presentano un particolare tipo di linfociti T con funzione immunitaria alterata rispetto ai bambini con malattia di Kawasaki. Questa alterazione è alla base dell’infiammazione e della produzione di auto anticorpi contro il cuore.

L’importanza della scoperta

Riuscire a monitorare lo spettro degli anticorpi e i linfociti T sapendo distinguere le due differenti tipologie non solo permetterà la diagnosi di Covid-19 ma anche di riconoscere precocemente tutti quei casi che potrebbero essere a rischio di sviluppare una forma di MIS-C.

Leggi anche: