Scuola, l’appello degli esperti al governo: «Urgente procedere con tamponi su vasta scala»

Il think tank Lettera 150, che riunisce scienziati e accademici (tra cui Crisanti): «Bisogna organizzare la macchina pubblica, così da individuare subito gli infetti, isolare i focolai ed evitare il riesplodere dell’epidemia»

L’appello è firmato da 150 accademici, organizzati nel think tank Lettera 150. In un documento pubblicato dall’organizzazione nata sull’onda dell’emergenza Covid-19, si legge: «La ripresa delle attività scolastiche e l’avvicinarsi dell’autunno rendono urgente organizzare la macchina pubblica per procedere con tamponi su vasta scala così da individuare subito gli infetti, isolare i focolai sul nascere ed evitare il riesplodere dell’epidemia».

Gli scienziati hanno ricordato che il virologo Andrea Crisanti ha stimato che potrebbe essere necessario in questa fase processare fino a 400 mila tamponi ogni giorno. Tra i rappresentanti di Lettera 150 figurano il sociologo Luca Ricolfi, il virologo Crisanti e il giurista Giuseppe Valditara. Già a maggio lo stesso think tank aveva invitato «le autorità nazionali e regionali ad avviare una massiccia campagna di tamponi per contenere la diffusione di Covid-19».

Nell’appello di maggio, si leggeva: «Se vogliamo che la imminente riapertura non sia effimera, se vogliamo evitare la chiusura di centinaia di migliaia di aziende, se vogliamo che milioni di lavoratori non perdano il posto di lavoro, occorre cambiare rotta. Bisogna iniziare subito a fare tamponi di massa».

Leggi anche: