Nuovo Dpcm, Speranza alla Camera: «L’Italia sta meglio del resto d’Europa, ma non facciamoci illusioni»

Passa dalla Camera e poi dal Senato la strada del nuovo Dpcm sull’emergenza Coronavirus prima della firma da parte del premier Giuseppe Conte domani 7 ottobre

Obbligo di mascherina su tutto il territorio nazionale, nessuna anticipazione sulle chiusure di bar e ristoranti e divieto prolungato per le feste da ballo in discoteca. Il ministro della Salute Roberto Speranza riferisce a Montecitorio le misure previste nel nuovo Dpcm, che resterà in vigore fino a novembre, oltre che il prolungamento dello stato di emergenza per il Coronavirus fino al 31 gennaio 2021 che sarà stabilito nel Consiglio dei ministri di questa sera.


«È sotto gli occhi di tutto che il quadro internazionale e nazionale segnali una mutazione di fase rispetto ai mesi passati; nel mondo i contagiati superano 35 milioni con oltre 1 milione di decessi, e l’Ecdc posizione l’italia al 45/mo posto», dichiara Speranza parlando della situazione nel mondo e soprattutto in Europa. «L’Italia sta meglio in questo momento – aggiunge – e sta reggendo meglio questa seconda ondata ma non dobbiamo farci illusioni e sarebbe sbagliato sulla base dei numeri credere di esserne fuori».

Come anticipato nei giorni scorsi il nuovo dpcm – anche se non ci sarà un coprifuoco – prevede una stretta sugli assembramenti che« sono un rischio reale che non possiamo permetterci», dice Speranza. Il ministro della Salute ha richiamato alle regole essenziali come il lavaggio delle mani, l’uso delle mascherine, e il distanziamento. Speranza ha chiarito anche sul tema della scuola rassicurando sul numero di insegnanti e studenti contagiati: «I primi numeri segnalano un impatto basso e buona capacita di tenuta».

Leggi anche: