Allerta massima in Francia: a Lione fermato un uomo di nazionalità afghana armato di coltello

Gli agenti lo hanno bloccato senza che opponesse resistenza. La settimana scorsa aveva tentato di ferire alcuni poliziotti davanti alla prefettura

Resta elevatissima l’allerta terrorismo in Francia dopo l’attentato di Nizza. Nel pomeriggio di oggi, 29 ottobre, un uomo di nazionalità afghana armato di coltello è stato fermato a Lione, secondo quanto riferiscono fonti degli inquirenti. L’uomo – si apprende dalla radio France Info che cita fonti della polizia – era armato di un coltello con lama da 30 centimetri ed è stato fermato nei pressi della stazione ferroviaria Perrache. Era vestito con un giubbotto militare e camminava con il coltello in mano. Era stato visto da diversi passanti che hanno chiamato la polizia.


Gli agenti lo hanno fermato senza che opponesse resistenza. Stando alle prime informazioni, la settimana scorsa aveva tentato di ferire dei poliziotti davanti alla prefettura, a causa del rifiuto di un documento di soggiorno in Francia. Il Paese oggi ha riattivato lo stato d’emergenza attentati. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, ha inoltre inviato un telegramma ai prefetti. Oggetto: «Rafforzamento della sorveglianza dei luoghi di culto dopo l’attacco all’arma bianca a Nizza».

Leggi anche: