Coronavirus, anche il Portogallo in lockdown: stop agli spostamenti, zone rosse per città. In Australia zero contagi per un giorno, non succedeva da 5 mesi

A partire dalla Francia fino al Regno Unito, aumentano i Paesi europei che tornano a limitare gli spostamenti e gli orari di apertura delle attività commerciali. In Australia il conteggio dei nuovi casi torna a zero per un giorno dopo cinque mesi

Portogallo

EPA/PAULO CUNHA | Un’immagine del santuario di Fatima a giugno, alla ripresa dei pellegrinaggi

Si allunga di giorno in giorno la lista dei Paesi europei che stanno imponendo nuovi lockdown, con limitazioni diverse tra attività consentite e aree di copertura. Ultimo Paese in ordine di tempo a imporre nuove chiusure per contenere la nuova ondata di contagi di Coronavirus è il Portogallo, che da mercoledì 4 novembre torna a un lockdown parziale che coinvolgerà circa il 70% della popolazione. Come annunciato dal premier portoghese Antonio Costa, le limitazioni prevedono il divieto di uscire di casa, se non per lavoro, dove non è possibile lo smart working, o per portare i figli a scuola. Imposto il coprifuoco per tutte le attività commerciali dalle 22.


Il lockdown portoghese prevede la chiusura mirata di singoli comuni, con una lista di micro-zone rosse che sarà aggiornata ogni due settimane. In occasione di questo weekend festivo, il governo aveva già vietato i viaggi non giustificati fino a martedì. Su tutto il territorio nazionale poi sarà obbligatorio l’uso della mascherina anche all’aperto.

Australia

EPA/JAMES ROSS | Un cartello avverte di indossare la mascherina fuori da un mercato di Melbourne, in Australia

Per la prima volta dopo cinque mesi, l’Australia ha registrato un giorno senza contagi di Coronavirus. L’ultima volta infatti era stato il 9 giugno, quando il National incident center non aveva rilevato casi per un’intera giornata. Ne è seguita poi una seconda ondata, costringendo lo stato di Victoria a un lungo periodo di lockdown, con cinque milioni di persone sottoposte al coprifuoco notturno per tutti i residenti di Melbourne. Il traguardo però è destinato a restare isolato, come riporta il Guardian, visto che nel New South Wales è stato scoperto un nuovo caso che finirà nelle statistiche domani.

Leggi anche: