Campania, Saviano dopo l’attacco di De Luca: «È un politico finito»

In un post su Facebook lo scrittore ha risposto alle critiche del governatore: «Uomo forte con i deboli e debole con i forti»

Il presidente della Campania l’aveva definito un «camorrologo di professione, ormai milionario». Nella sua conferenza stampa del venerdì Vincenzo De Luca non ha risparmiato attacchi a nessuno. Dai ministri al governo, allo scrittore Roberto Saviano, che il governatore ha inviato a non parlare di cose di cui non capisce: «Rinnovo l’invito dove e quando vuole a fare un dibattito sui temi della sanità campana».


Pronta la risposta dello scrittore che dalla sua pagina Facebook ha definito De Luca un «politico finito». Saviano ha detto che il presidente campano è un uomo «debole con i forti e forte con i deboli» che ha contribuito ad aggravare la situazione della Regione «con l’incapacità di assumere una decisione che sia una, anzi no, una l’ha presa, ha chiuso le scuole, rubando il futuro a bambini e ragazzi campani, compromettendo l’occupazione femminile già a livelli inimmaginabili nella regione che ormai amministra da troppo tempo». 

Saviano è tornato anche sulla polemica relativa alle parole indirizzate dal presidente alla madre della bambina che chiedeva che suo figlio potesse continuare ad andare a scuola accusando De Luca di vedere bene le donne «a cucinare e a badare alla casa». E al governatore che gli chiede un confronto Saviano risponde: «Ma di quali dibattiti parli, pensa a lavorare perché, incredibilmente, nelle tue mani da saltimbanco c’è la seconda regione più popolosa del paese!».

Leggi anche: