Gaudio rinuncia all’incarico in Calabria: «Motivi personali»

L’ex rettore della Sapienza ha anticipato la decisione a Repubblica. Ma senza citare le polemiche di questi giorni

Dopo le polemiche per un’inchiesta penale che lo riguarda, l’ex rettore della Sapienza Eugenio Gaudio ha annunciato che intende rinunciare all’incarico di commissario straordinario alla Sanità in Calabria. Ad anticipare la notizia è l’edizione on line di Repubblica. Stando a quello che ha spiegato l’ex rettore la scelta è stata esclusivamente personale: «Mia moglie – ha spiegato – non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare». Ma è abbastanza probabile che ad incidere sulla sua decisione, invece, siano state le polemiche di questi giorni, inclusa la scelta di Gino Strada di non affiancarlo nell’incarico.


Sull’inchiesta penale che lo riguarda, Gaudio chiude la polemica: «Il procuratore di Catania ha appena fatto sapere al mio avvocato che è andato a depositare la richiesta di archiviazione per la mia presunta turbativa nei concorsi. Ne esco come ne sono entrato, pulito».

Leggi anche: