La Svezia ci ripensa: poteri speciali al governo, che ora può chiudere i negozi. Multe per chi viola le regole Covid

di Cristin Cappelletti

La ministra della Salute Lena Hallengren sul ritardo nelle chiusure: «Non era qualcosa di cui avevamo bisogno in primavera»

Per qualche mese si era parlato del modello Svezia. Poche chiusure, bar, scuole e negozi aperti. Ora, il parlamento svedese ha decisamente cambiato rotta approvando una legge che conferisce al governo nuovi poteri per frenare la diffusione del Coronavirus. Con la nuova legge, in vigore da domenica, l’esecutivo potrà chiudere negozi, centri commerciali e limitare il numero di persone ammesso in determinati luoghi pubblici. Per coloro che violeranno le restrizioni sono previste multe, cosa che prima non era possibile.


La Svezia si allontana così da un approccio morbido nella lotta al Coronavirus. Alla domanda sul perché questa legge sia stata presentata solo 10 mesi dopo l’inizio dell’epidemia, la ministra della Sanità Lena Hallengren ha detto parlando all’emittente Svt che «non era qualcosa di cui avevamo bisogno in primavera». Il bilancio delle vittime ha superato le 9mila e recentemente anche il re Carlo XVI Gustavo, indicando l’alto numero di decessi, ha criticato la risposta svedese alla pandemia definendola un fallimento.

Leggi anche:

Cristin Cappelletti