Coronavirus, i numeri in chiaro. Pregliasco: «Il lockdown a zone ha funzionato» – Il video

Secondo il virologo «solo una campagna vaccinale realizzata velocemente potrà portare a una vera e definitiva riduzione nel numero dei decessi»

«Una situazione in leggero miglioramento anche se il numero di decessi non ci entusiasma ed è un dolore vedere questi numeri comunque alti». Così il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi di Milano, commenta i dati odierni quando il Paese registra altri 472 decessi per Covid dopo i 521 di ieri. Il numero di casi giornalieri sembra essersi stabilizzato secondo Pregliasco, che evidenzia anche il calo nel numero di persone ricoverate sia nei reparti normali che in quelli di terapia intensiva «anche se con valori che in alcune regioni evidenziano un impegno da parte del servizio sanitario nazionale», aggiunge.


In assenza di un lockdown duro e prolungato «solo una campagna vaccinale realizzata velocemente potrà portare a una vera e definitiva riduzione nel numero dei decessi», dichiara. Per il virologo i dati ci dicono comunque che la «nostra modalità di fare un lockdown un po’ mitigato attraverso meccanismi di zone differenziate» sta funzionando.Il motivo della prudenza sono le varianti: «Credo – conclude Pregliasco – che ci sia questo sforzo dei laboratori di microbiologia e virologia di incrementare la quota di queste indagini di secondo livello e forse noi non ne abbiamo fatte abbastanza. Un’ulteriore sfida sarà domare queste nuove varianti che hanno caratteristiche vantaggiose per il virus e possono determinare una maggiore contagiosità».

Leggi anche: