Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Immigrazione, la Open Arms è diretta verso Porto Empedocle con 146 persone a bordo, in condizioni di mare avverse – I video

In entrambi i soccorsi effettuati dalla nave umanitaria in zona Sar maltese, secondo il racconto degli attivisti, sono intervenute le motovedette libiche

Con 146 persone a bordo salvate negli ultimi giorni, la nave umanitaria della ong spagnola Open Arms è ora diretta verso Porto Empedocle, in Sicilia. «La nostra nave non sarà in grado di arrivare prima di 24 ore dovendo affrontare il viaggio in condizioni di mare avverse», spiegano su Twitter dalla ong postando anche un video delle attuali condizioni di navigazione.


Nel frattempo nelle ultime ore un barchino è naufragato a 100 km a nord-ovest di Lampedusa. La Marina tunisina ha salvato 25 persone e recuperato il cadavere di una persona affogata. 22 sono i dispersi.

I soccorsi

Nel primo dei due soccorsi, il 13 febbraio, nella zona Search and Rescue maltese, la Open Arms ha salvato 40 persone: tra loro una donna, Rafel, e il suo bimbo di tre mesi, Moez, nonché tre minori non accompagnati. Erano in acqua da 24 ore su una barca in legno alla deriva – ricostruisce Euronews, unica emittente al momento a bordo – ammassati in pochi metri e con il giubbotto di salvataggio, e sono originari di Sudan, Egitto, Camerun, Algeria e Marocco.

«In zona erano presenti molte imbarcazioni, nessuna delle quali è intervenuta», raccontano dalla ong. «E nonostante fossimo in zona sar maltese siamo stati avvicinati dalla motovedetta libica Fezzan P658 che ci ha intimato di abbandonare quelle che loro consideravano “acque territoriali libiche”». Dopo alcuni «momenti di tensione», secondo Open Arms, i libici si sono allontanati e i volontari e le volontarie hanno portato a termine le operazioni di soccorso.

Anche il secondo soccorso non è stato semplice: «Pochi minuti dopo aver messo in salvo 106 persone in alto mare, la barca si è rovesciata e si è spezzata con arrivo del temporale e di onde alte 4 metri», dicono dalla ong spagnola.

In copertina Twitter/Bruno Thevenin/Open Arms

Leggi anche: