Il capo dell’Irbm di Pomezia: «Il vaccino AstraZeneca efficace al 100% contro i casi gravi». Il nuovo studio su Lancet

«A marzo, se non ci saranno problemi particolari, è prevista la consegna di ulteriori 4 milioni di dosi», dice Di Lorenzo.

Il vaccino di AstraZeneca/Oxford Irbm contro il Coronavirus? «Efficace al 100% nell’evitare l’ospedalizzazione»: è quello che emerge dal preprint consegnato a The Lancet sui risultati di uno studio effettuato su 10.290 persone in Inghilterra e altre 10.300 in Brasile: maggiorenni con un target che comprende anche degli anziani anche con gravi malattie come per esempio obesità, diabete, insufficienze respiratorie e problemi cardiovascolari. «Uno studio che chiarisce senza ombra di dubbio che l’efficacia per contrastare la malattia grave è del 100%», specifica il presidente dell’Irbm Pietro Di Lorenzo nel corso di un’intervista all’Ansa.


«Ciò significa che la totalità dei vaccinati non rischia più di andare in ospedale o terapia intensiva», specifica ancora. «Entro fine febbraio arriverà un milione di dosi del vaccino Oxford/AstraZeneca/Irbm. A marzo, se non ci saranno problemi particolari, è prevista la consegna di ulteriori 4 milioni di dosi. Nei mesi successivi, considerato lo sforzo organizzativo che sta mettendo in campo Astrazeneca, è credibile che si possa anche ipotizzare un recupero di parte delle consegne mancate», conclude Di Lorenzo. Il vaccino ha ottenuto l’ok dell’Aifa in Italia per la somministrazione agli over 55 fino ai 65.

Leggi anche: