Vaccini, superata quota 5 milioni di somministrazioni. Usato il 78% delle dosi distribuite

Hanno ricevuto almeno una dose 3.142.043 donne e 1.969.081 uomini. La fascia d’età più protetta è quella degli over 80 e over 90

Sono più di 5 milioni i cittadini italiani che hanno ricevuto finora almeno una dose di vaccino contro il Covid19. Per l’esattezza, il numero è arrivato a 5.111.124. Mentre sono 1.586.126 le persone che hanno ricevuto anche il richiamo. La fascia d’età che ha avuto, a livello assoluto, più dosi è quella degli over 80. Contando infatti anche gli over 90, si arriva a 1.278.150 inoculazioni. Segue la fascia d’età tra i 50 e i 59 anni, con 1.087.014 inoculazioni. Tra le categorie prioritarie sono gli operatori sanitari e socio sanitari ad aver ricevuto il maggior numero di somministrazioni con 2.475.305 dosi, seguiti dal personale non sanitario e dagli ospiti delle Rsa.


Complessivamente, a livello nazionale sono state consegnate 6.542.260 dosi. Di queste, ne è stato somministrato il 78,1%. Tra le Regioni, in testa alla classifica ci sono Valle d’Aosta (92,9%), Provincia autonoma di Bolzano (87,5%), Toscana (86,9%), Campania (85,8%) e Puglia (84,1%). In coda, con il peggior rapporto in percentuale, troviamo invece Calabria (62,6%), Sardegna (62,8%), Liguria (67,2%), Veneto (72,3%), Umbria (72,5%).

Dei tre vaccini inoculati in Italia, quello di Pfizer/Biontech continua a essere quello più diffuso con 4.537.260 dosi somministrate dal 27 dicembre. Segue AstraZeneca, con 1.512.000 dosi, e Moderna con 493.000. Per quanto riguarda invece il genere, hanno ricevuto almeno una dose 3.142.043 donne e 1.969.081 uomini.

Leggi anche: