Roma, è (quasi) ufficiale: il candidato sindaco del Pd è l’ex ministro Gualtieri. La benedizione di Letta: «Ottimo nome e grande amico»

Al neo segretario spetta l’ultima parola. Ci saranno le primarie? Secondo fonti Pd, per il partito sarebbero «ineludibili»

Per Roberto Giachetti, l’attuale sindaca di Roma, Virginia Raggi, ricandidata al Campidoglio nonostante il suo stesso partito, lo teme. Di certo, il dado sembra (quasi) essere tratto: le agenzie battono da tutto il giorno la probabile discesa in campo dell’ex ministro dell’Economia del governo Conte II Roberto Gualtieri: «sta seriamente riflettendo sulla possibilità di mettersi a disposizione per la battaglia su Roma», dice il suo staff citato dall’Ansa.


A sfidare Raggi in Campidoglio potrebbe quindi essere l’ex ministro (che nell’esecutivo Draghi ha lasciato il campo a Daniele Franco). Gualtieri ha già comunicato la sua disponibilità al Pd di Roma e del Lazio. E «a breve vedrà il segretario del partito, Enrico Letta»: al neo segretario infatti spetta l’ultima parola. Ci saranno le primarie? Secondo fonti Pd, per il partito sarebbero «ineludibili».

Il successore di Nicola Zingaretti, dal canto suo, conferma: «Incontrerò Gualtieri prestissimo, è un ottimo nome e un grande amico, mi occuperò di Roma immediatamente», dice Letta in un incontro con la stampa estera on line a Roma. «Non posso dire di essere stupito di come sia la situazione. Roma vive delle grandi difficoltà, ma avremo modo di affrontare questi temi preparando il progetto del Pd e per questo motivo incontrerò Gualtieri al più presto».

In copertina ANSA/ANGELO CARCONI | Roberto Gualtieri durante la camera ardente dell’ex presidente del Senato Franco Marini presso la clinica Villa Mafalda, Roma, 10 febbraio 2021.

Leggi anche: