Vaccini, il piano di Figliuolo: «Dopo gli over 65, procederemo con le classi produttive»

I dati di ieri, 1 maggio, parlano di 426.846 nuove dosi somministrate, per un totale di 20.375.913 unità

Francesco Figliuolo ha annunciato il prossimo step della campagna vaccinale contro il Coronavirus: «Ora dovremo pensare alle classi produttive. I vaccini arriveranno e maggio sarà un mese di transizione. Dopo pensiamo all’estate». Il Commissario straordinario all’emergenza ha poi aggiunto: «Dobbiamo inoculare sempre il 90% di dosi di vaccino. Per quanto riguarda le vaccinazioni nelle scuole, ci stiamo pensando come si faceva negli anni ’70. Una volta messi in sicurezza gli over 65 la campagna vaccinale sarà aperta a tutte le classi di età».


Campagna vaccinale: a che punto siamo

Sulla somministrazione del vaccino anti Covid agli over 80 «ci siamo», con copertura già dell’85%. Sugli over 70 «siamo lì», sugli over 60 e anche sugli over 65 è opportuno insistere, spiega Figliuolo. «Dobbiamo completare su queste classi», ha avvertito, «concentriamoci sugli over 60 e over 65, poi apriremo in maniera multipla e parallela su tutte le altre classi». Il piano vaccinale deve quindi proseguire in maniera ordinata: «Abbiamo il potenziale, l’organizzazione la dobbiamo affinare un po’».

Bisogna aumentare i punti vaccinali, anche attraverso i punti aziendali, «così da vaccinare in fretta», ha proseguito Figliuolo, sottolineando l’esigenza di mettere in sicurezza secondo il criterio già definito e poi coloro «che devono far ripartire l’Italia», riferendosi al mondo dell’impresa, specie nel settore della ricettività. «Per fare ciò non dobbiamo dimenticare il ruolo della capillarizzazione», ha detto ancora il commissario, riferendosi all’importanza dei medici di base nella somministrazione del vaccino.

I dati delle ultime 24 ore

I dati relativi a ieri, 1 maggio, parlano di 426.846 nuove dosi somministrate, per un totale di 20.375.913. Sono poi 283.493 le prime dosi inoculate nelle ultime 24 ore, per un totale di 14.335.686 unità. In 143.353 hanno ricevuto la seconda dose (totale: 6.040.227). L’immunità di gregge si attesta al 23,75%.

Leggi anche: