Super League, Juve, Real e Barça rispondono a Fifa e Uefa: «Discutiamo insieme. Basta con pressioni e minacce»

Per i tre club potrebbero presto arrivare nuove sanzioni da parte dell’Uefa

A quasi un mese dal polverone sollevato da 12 club di calcio europei per la creazione di una nuova competizione sportiva continentale, tre delle squadre fondatrici – Real Madrid, Barcellona e Juventus – hanno diffuso un comunicato in cui spiegano di aver «ricevuto, e continuano a ricevere, inaccettabili pressioni, minacce e offese al fine di ritirare il progetto proposto e desistere dal loro diritto/dovere di fornire soluzioni all’ecosistema del calcio mediante proposte concrete e un dialogo costruttivo». I tre club, deferiti ieri agli organi disciplinari competenti dell’Uefa, parlano di una mossa intollerabile e la giustizia – aggiungono – «si è già pronunciata in favore della proposta di Super League ordinando a Fifa e Uefa di astenersi dall’intraprendere ogni azione che possa pregiudicare l’iniziativa».


Rivolgendosi sempre ai due organi del calcio europeo e mondiale, i club hanno ribadito di essere disponibili a «discutere insieme, con rispetto e nell’osservanza dei principi di diritto ma scevri da intollerabili pressioni, le soluzioni più appropriate per la sostenibilità dell’intera famiglia del calcio». Parlando invece del progetto, le due squadre spagnole, e quella italiana, hanno aggiunto che pur pronte a riconsiderare l’approccio proposto, «saremmo altamente irresponsabili qualora, consapevoli dei bisogni e della crisi sistemica del settore calcistico che ci hanno indotti ad annunciare la Super League, abbandonassimo la missione di fornire risposte efficaci e sostenibili alle questioni esistenziali che minacciano il settore calcistico».


Leggi anche: