Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il numero dei decessi meno alto degli ultimi sei mesi. Era dal 23 ottobre che non si scendeva sotto le 100 vittime in 24 ore

Anche il numero dei nuovi casi è in calo, da maggio è sceso sotto i 10 mila al giorno

Meno di cento vittime in 24 ore. Negli ultimi mesi lo abbiamo, imparato. Il dato sulle vittime giornaliere legate al Coronavirus è l’ultimo a scendere quando l’epidemia è in ritirata. Prima calano i nuovi casi giornalieri, poi i nuovi ingressi in terapia intensiva e solo alla fine i decessi. Secondo il bollettino pubblicato oggi dalla Protezione Civile il numero di decessi registrato nelle ultime 24 ore è stato di 93. Mai eravamo scesi sotto quota 100 dall’arrivo di quella che è stata battezzata come seconda ondata. Per trovare un giorno in cui il conteggio delle vittime occupa solo due cifre bisogna tornare indietro a ottobre, al 23 ottobre nello specifico. Qui le vittime erano 91. Il giorno dopo sarebbero diventate 151, poi 128 e poi nei giorni dopo avrebbero superato quota 200, 300, 400 e 500. Fino a sfiorare quota 1.000 a inizio dicembre per poi tornare a diminuire.


Il prezzo pagato per le riaperture iniziate dal 26 aprile non è stato così alto come si teneva. La campagna vaccinale sembra essersi sbloccata, almeno in molte regioni, tanto che il Commissario Figliuolo ora punta a somministrare un milione di dosi al giorno. E intanto il totale dei casi continua a diminuire. Al netto dei conteggi più bassi vicino al fine settimana il numero dei nuovi casi registrati ogni giorno è ormai da inizio maggio sceso sotto i 10 mila. E ora si guarda all’estate.


Leggi anche: