Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La nuova confessione di Harry da Oprah: «Dopo la morte di mia madre bevevo e mi drogavo. Dalla famiglia reale il totale abbandono»

Quella di Winfrey è una nuova docuserie di Apple TV+, dal titolo “The Me You Can’t See”

Questa volta il principe Harry si è presentato da solo alla corte di Oprah Winfrey. E in una lunga intervista racconta di aver fatto ricorso ad alcool e droghe in età adulta per affrontare il dolore per la perdita della madre, Lady Diana, morta quando aveva 12 anni. Il format è molto simile a quello proposto dalla conduttrice quando il principe era stato intervistato in coppia con sua moglie, Meghan Markle, nella loro villa in California. Quella in uscita oggi, 21 maggio, è invece una nuova docuserie di Apple TV+, dal titolo The Me You Can’t See. Una confessione, quella del principe Harry, che arriva il giorno dopo la pubblicazione di un’inchiesta che ha scoperto che un giornalista della Bbc ha ottenuto con l’inganno l’intervista shock del 1995 nella quale la principessa Diana rivelò l’ombra di Camilla Parker-Bowles nel suo matrimonio con il principe Carlo.


L’uso di alcool e droghe

«Dai ventotto ai trentadue anni è stato un periodo da incubo nella mia vita, impazzivo ogni volta che saltavo in macchina e ogni volta che vedevo una telecamera», ha raccontato il principe, mentre confessava di aver fatto uso di alcool e droghe. «Volevo cercare e fare cose che mi facevano sentire meno come mi sentivo, ma lentamente ho preso coscienza. D’accordo, non bevevo dal lunedì al venerdì, ma probabilmente avrei bevuto la quantità di una settimana in un giorno il venerdì o il sabato sera. Ero da solo a bere non perché mi piaceva, ma perché stavo cercando di nascondere qualcosa», ha continuato Harry.


Il consiglio di Meghan

Intanto Meghan, che lo ha sposato nel 2018, lo ha convinto ad andare in terapia. «Sapevo che se non avessi fatto la terapia e non mi fossi sistemato, avrei perso questa donna con la quale volevo passare il resto della mia vita», ha continuato. «Quando mi ha detto: “Penso che tu debba vedere qualcuno”, è stata una reazione ad una discussione che abbiamo avuto. In quel litigio, senza saperlo, sono tornato all’Harry di 12 anni…».

Il ruolo della famiglia reale

Nel corso del programma non potevano che tornare i riferimenti alla famiglia reale e al suo entourage. Harry è tornato a denunciarne l’assenza di empatia, il «totale abbandono», nei confronti di Meghan, una delle «principali ragioni» dell’addio alla terra britannica. «Certamente ora – ha detto – non sarò mai costretto a tacere».

Leggi anche: