Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Nuovo caso nella movida di Milano, accoltellato nella notte un 26enne: ricoverato in grave condizioni

È solo l’ultimo episodio di violenze e aggressioni che si verifica nella zona, in pieno centro a Milano: il 28 maggio, un uomo aveva aizzato un pitbull contro un carabiniere, l’8 maggio una pioggia di bottiglie era stata scagliata dai giovani contro le volanti della polizia

Stava camminando in corso di Porta Ticinese, qualche metro più a Sud delle Colonne di San Lorenzo. Ore 23.45 – ben oltre l’ora di inizio del coprifuoco – di sabato 5 giugno: un 26enne di nazionalità italiana viene raggiunto da un fendente all’addome. Al momento, sono ignare le motivazioni dell’accoltellamento: la questura di Milano ha avviato le indagini. Il giovane, intanto, si trova ricoverato in condizioni molto gravi. La centrale operativa del 118 aveva inviato sul posto un’ambulanza e un’automedica: dopo essere stata stabilizzata, la vittima è stata trasportata in codice rosso al Policlinico di Milano.


I precedenti delle Colonne

Rinomata zona di spaccio e di consumo di sostanze stupefacenti, le Colonne di San Lorenzo si trovano nel pieno centro di Milano. Negli ultimi tempi, gli episodi di violenza nella zona si stanno intensificando. Venerdì 28 maggio, un uomo sospettato di aver commesso una rapina e, per questo, avvicinato da un carabiniere, aveva aizzato il suo pitbull contro i militari. È stato necessario sparare due proiettili, i cui frammenti hanno ferito sia il cane che un avventore. Il tutto è successo all’una di notte, con decine di giovani trasgressori delle norme anti-Covid. Gli avventori della piazza, dopo gli spari, hanno reagito scagliando bottiglie di vetro contro le auto dei carabinieri. Stessa violenza contro le forze dell’ordine – questa volta si trattava della polizia – è avvenuta l’8 maggio: pioggia di bottiglie contro le volanti che cercavano di disperdere gli assembramenti dei giovani alle Colonne oltre l’orario del coprifuoco.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: