Tokyo 2020, Gli ori di Tamberi e Jacobs portano l’Italia nella storia

Ancora buone notizie dal nuoto con il bronzo nella 4×100 mista maschile. Paltrinieri quarto nei 1.500. Nell’atletica finale per Fantini nel martello donne. Jacobs fa la storia: p in finale dei 100 metri. Nella vela sarà finale dei catamarani e minimo argento per la coppia Banti-Tita

Due imprese storiche, quelle di Marcell Jacobs e di Gianmarco Tamberi, portano l’Italia nella storia dei Giochi. Jacobs si aggiudica i 100 metri in un’impresa di portata storica. Tamberi vince l’oro ex aequo con il qatariota Barshim. Prima, l’Italia era stata sempre più di bronzo in questa giornata olimpica. Il bottino della spedizione azzurra ai Giochi di Tokyo 2020, infatti, si era allargato proprio con il metallo del terzo posto grazie alla 4×100 mista maschile che porta il medagliere a quota 25 titoli (2 ori, 8 argenti e 15 bronzi). Altro grande risultato arriva dalla vela, nella categoria dei catamarani, dove la coppia azzurra composta da Caterina Banti e Ruggero Tita si sono aggiudicati l’accesso in finale il prossimo 3 agosto, dove otterranno come minimo l’argento. Oggi sono scesi ancora in pista i big dell’atletica italiana, con Marcell Jacobs che fa la storia siglando il record europeo nei 100 metri con 9″84 e accedendo al terzo posto in finale. Non ce l’ha fatta, invece, Filippo Tortu con 10″16, fuori dalla finale. Occhi puntati su Gianmarco Tamberi nella finale di salto in alto.


Tamberi medaglia d’oro ex aequo nel salto in alto

Gianmarco Tamberi è medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo 2020, dopo aver chiuso a quota 2.37 assieme al qatariota Barshim. Dopo i tre errori per l’azzurro a 2.39, i due hanno rinunciano allo spareggio, aggiudicandosi entrambi il gradino più alto del podio olimpico per la specialità del salto in alto.


Atletica: Bogliolo record italiano con 12″75

Luminosa Bogliolo non è riuscita a raggiungere la finale dei 100 metri ostacoli femminili, ma il suo cammino si conclude lo stesso con gioia grazie al tempo di 12″75 che vale il nuovo record italiano nella specialità, secondo nella giornata dopo quello di Jacobs nei 100 piani.

Volley: Italia maschile facile sul Venezuela, è ai quarti

Successo agevole per gli azzurri della pallavollo. La squadra di Gianlorenzo Blengini supera per 3 a 0 la selezione del Venezuela con un terzo set di livello (25 a 17). Gli azzurri accedono ai quarti di finale del torneo olimpico.

Equitazione: azzurre in recupero

EPA/KIYOSHI OTA | Susanna Bordonein sella a Imperial Van De Holtakkers, durante l’evento di cross-country al Sea Forest Cross Country Course di Tokyo

Dopo aver perso punti nella prova di dressage, nel cross-country le azzurre Vittoria Panizzon su Super cillious, Susanna Bordone su Imperial Van De Holtakkers e Arianna Schifo su Quefira de l’Ormeau concludono la gara con 132.8 punti negativi. Le amazzoni si giocheranno tutto nella prova a ostacoli se i cavalli passeranno le visite mediche di domani.

Vela: storica medaglia Tita-Banti.

Sarà almeno d’argento il metallo che premierà la coppia azzurra nei catamarani volanti Nacra 17 composta da Caterina Banti e Ruggero Tita. I due velisti, infatti, si sono aggiudicati come minimo il secondo posto al termine delle 12 regate di qualificazioni a Enoshima. In teoria solo l’equipaggio britannico può ancora insidiarli per la medaglia d’oro, che verrà assegnata al termine della finale in programma il prossimo 3 agosto: potrebbero conquistarla se finiranno la regata tra i primi sei posti. Nell’altra gara che vedeva impegnata un’atleta azzurra, la velista Silvia Zennaro ha chiuso settima nella categoria Laser Radial

Golf: niente medaglie per gli azzurri

EPA/MICHAEL REYNOLDS | Renato Paratore alla nona buca, durante il secondo round sul prato del Kasumigaseki Country Club, a Kawagoe

Chiude 27esimo a -9, lontano dal podio, il golfista azzurro Renato Paratore, in 67 al quarto giro, con una buona seconda parte che lo aveva avvicinato a tre colpi dalla zona medaglia. Crolla Migliozzi dall’11esimo al 32esimo posto con un ultimo giro da 72 colpi e un definitivo -8.

Scherma: squadra maschile di fioretto fuori

Ancora una delusione dalla scherma, disciplina da sempre sorridente all’Italia. Gli azzurri del fioretto a squadre maschile, infatti, sono stati eliminati dai padroni di casa del Giappone per 45 a 43: saranno loro a sfidare la Francia in semifinale. «Premesso che lo sport italiano e il Coni devono essere eternamente grati alla scherma, i risultati a Tokyo sono stati profondamente deludenti: ci aspettavamo ben altro», ha commentato il presidente del Coni Giovanni Malagò all’Ansa. «Oggi era l’ultimo giorno per avere una speranza di fare qualcosa di importante», ha proseguito, «e invece non siamo neanche in zona medaglie ed è una cosa che ci amareggia tanto, questo sicuramente comporterà riflessioni in merito: ora ci vuole una profonda riflessione da parte della federazione, tra tre anni ci sono i Giochi di Parigi: da domani si deve lavorare per ricostruire un ambiente», ha concluso il numero uno dello sport italiano. Gli azzurri hanno poi battuto 45 a 30 l’Egitto: si giocheranno il quinto posto contro la Germania.

Atletica, Davide Re in semifinale dei 400 piani

Ancora buone notizie dalla pista dello Stadio Olimpico di Tokyo. Davide Re, infatti, si è qualificato per la semifinale dei 400 metri piani con il corno di 45.46. Eliminato, invece, l’altro azzurro in gara Edoardo Scotti (45.71).

Nuoto: seste le ragazze della 4×100 mista

EPA/PATRICK B. KRAEMER |

C’è mancato poco all’Aquatics Centre per un’altra medaglia azzurra. Le ragazze della 4×100 mista arrivano seste. Nella gara Federica Pellegrini chiude in ultima frazione, nell’ultimo atto della sua carriera nel nuoto professionistico.

Atletica, Fantini in finale del martello

EPA/CHRISTIAN BRUNA | Sara Fantini in azione allo Stadio Olimpico di Tokyo

Con il dodicesimo posto l’azzurra Sara Fantini si è qualificata per la finale del lancio del martello donne grazie a una misura di 71,68 metri.

Leggi anche: