Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Vattene o ti tagliamo la gola», picchiato un giornalista al corteo No Green pass di Roma

Si tratta di Francesco Giovannetti che si aggiunge alla (lunga) lista di giornalisti aggrediti durante le manifestazioni dei No Green pass. Una vera e propria escalation di violenza: «Mi ha colpito alla faccia con 4-5 cazzotti», racconta lui

Il videoreporter Francesco Giovannetti del gruppo Gedi è stato aggredito da un manifestante durante una protesta contro il Green pass davanti al ministero dell’Istruzione a Roma. Un uomo ha preso di mira Giovannetti prima con le minacce per poi aggredirlo: «Ora sono in ospedale per accertamenti – ha raccontato alla Stampa – sto aspettando che mi visitino. Mi sono avvicinato per chiedere se qualcuno volesse essere intervistato e dire la sua, subito mi hanno chiesto per che giornale lavorassi. Poi mi hanno detto “Vattene o ti tagliamo la gola”, facendo il gesto con la mano al collo». Una reazione violentissima che il giornalista non poteva di certo aspettarsi e che l’ha colto di sorpresa: «Nonostante, com’è ovvio in manifestazioni come questa, le forze dell’ordine fossero schierate lì vicino. È stato un raptus che non potevo prevedere. Mi ha colpito alla faccia con 4-5 cazzotti», ha aggiunto. Le immagini sono impressionanti.


Il video della manifestazione dei No Green pass

Video di VISTA | Alexander Jakhnagiev

Le forze dell’ordine sono subito intervenute ma ormai era troppo tardi: «Mi era già arrivato un fumogeno in faccia in una di queste manifestazioni, ma violenza fisica mai». «Questa volta è stata un’escalation dal nulla: dopo questo episodio mi viene da dire di sì, la situazione sta degenerando», ha spiegato Giovannetti. L’aspetto più grave, secondo il giornalista videomaker, è che «la manifestazione in questione era stata organizzata dalla scuola. Ho seguito cortei di estremisti e non è successo nulla. Ma questo tema sta scaldando gli animi: sono stato picchiato in una piazza piena di insegnanti». Il popolo dei No Green pass, in realtà, aveva già dato prova di violenza anche a Milano dove era stato preso d’assalto un gazebo del Movimento Cinque Stelle. Una situazione che ormai sembra essere fuori controllo.

L’ennesima aggressione a un giornalista in una manifestazione contro il Green pass

GVPress, l’associazione dei giornalisti videomaker, a cui Giovannetti è iscritto, ha denunciato quanto sia diventato difficile lavorare a queste condizioni: «Gli operatori dell’informazione che raccontano le piazze e le manifestazioni in giro per l’Italia sono da anni vittime di aggressioni verbali e fisiche di ogni tipo. Negli ultimi mesi, con le manifestazioni dei cosiddetti No vax o No Green pass questi episodi sono diventati ancora più frequenti. Ora basta. Chiediamo che tutti, dalle istituzioni ai vertici del mondo dell’informazione, si attivino per garantire il rispetto del nostro lavoro».

L’associazione ha già annunciato per domani, 31 agosto, al Pantheon (Roma) una manifestazione alle ore 19 per chiedere «a istituzioni e cittadinanza maggior rispetto e tutela della stampa e di tutti gli operatori dei media».

Foto in copertina da: REPUBBLICA

Leggi anche: