Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Gianmarco Tamberi è il primo italiano nella storia a conquistare la Diamond League

Il campione olimpico trionfa nella finale del salto in alto con la misura di 2,34 metri

Gimbo Tamberi colpisce ancora. Dopo la medaglia d’oro conquistata nel salto in alto a Tokyo 2020, ex aequo con Mutaz Essa Barshim, l’azzurro trionfa anche nella Diamond League di Zurigo, nel massimo circuito dell’atletica mondiale, chiudendo la gara con la misura di 2,34 metri, battendo l’ucraino Protsenko e il russo Ivanyuk, entrambi fermi a 2,30 metri. Pur avendo già vinto la gara superando i 2,32 metri, Tamberi ha deciso di proseguire, alzando ulteriormente l’asticella e saltando a 2,34. E così, Gianmarco Tamberi è diventato il primo italiano nella storia a portare a casa il Diamante. Oltre al premio fisico a forma di diamante e creato dalla storica casa produttrice di gioielli e orologi di lusso Beyer, l’atleta azzurro delle Fiamme Oro riceverà anche un premio di 40 mila dollari. Dopo la vittoria il campione marchigiano ha indossato il tricolore e la medaglia d’oro conquistata alle Olimpiadi, e si è concesso un giro d’onore nello stadio Letzigrund di Zurigo, scattando foto con i fan presenti sugli spalti.


Cos’è la Diamond League

La Diamond league è una manifestazione sportiva nata nel 2010, in sostituzione alla Golden League, in cui vengono concentrate una serie di gare internazionali di atletica leggera organizzate dall’ex Iaaf, l’International Association of Athletics Federations, attualmente denominata World Athletics. La manifestazione si compone di 14 meeting. Quest’anno, a causa della pandemia e delle Olimpiadi, è strutturata in 12 meeting. Durante ciascuna rassegna si svolgono le gare di 32 specialità di atletica leggera, 16 femminili e 16 maschili, ciascuna dotata di classifica a sé stante. Il vincitore o la vincitrice di ciascuna specialità conquista il cosiddetto Diamante, il trofeo del torneo, oltre a un premio economico di 40 mila dollari.


Foto in copertina: Twitter / Diamond_League

Continua a leggere su Open

Leggi anche: