Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Agnese Beatrici morta di Covid a 39 anni, la famiglia senza vaccino la difende: «Non era No vax, solo prudente»

Il marito sfugge alla domanda e la sorella smentisce: «Stava ancora valutando la scelta giusta»». I due figli della donna non risultano immunizzati dai dieci vaccini resi obbligatori nel 2017

Agnese Beatrici aveva 39 anni e a strapparla alla vita è stato Covid-19. Non vaccinata, i dubbi sulla protezione dal virus l’avevano spinta a prendere tempo, ma è stata la malattia a decidere di non aspettare. Nel giro di pochi giorni dal suo tampone risultato positivo, la donna era stata ricoverata in condizioni gravissime e dopo essere entrata in coma è deceduta. Madre di due bambini, la più grande di sette e il più piccolo di appena due anni, Agnese Beatrici oggi verrà pianta dai suoi familiari in una piccola funzione che si svolgerà direttamente al cimitero della frazione di Cogno. Non un funerale ma una celebrazione con le sue ceneri, arrivate nel piccolo centro del bresciano nella giornata di ieri 9 settembre.


Nessuno della sua famiglia era vaccinato

C’è chi racconta i timori della 39enne originaria di Piancogno, in Alta Valcamonica, come segni di una ben più radicata ideologia No vax sostenuta da lei e da tutta la famiglia. Prova tra tutte anche la scelta di non immunizzare i suoi due figli con i dieci vaccini diventati obbligatori dal 2017. Ma mentre il marito sfugge alle domande dei giornalisti sulle idee no vaccino di Agnese, la sorella la difende: «Non era una No vax», dice ai giornalisti, «aveva dubbi e stava solo aspettando di capire quale fosse la scelta migliore».


Ci ha messo due settimane il virus a uccidere Agnese Beatrici. La donna aveva contratto l’infezione 15 giorni fa durante una vacanza con marito e figli. A contattarla per un tampone era stata l’Ats Montagna che l’aveva convocata insieme al marito come contatto stretto di un terzo soggetto già risultato positivo. Anche i loro due test molecolari avevano dato esito positivo a Covid-19, poi nel giro di pochi giorni il tracollo. Agnese viene ricoverata presso l’ospedale di Brescia, poi trasferita a Milano, dove arriva in coma. Nessuno nella famiglia della 39enne era vaccinato: Covid-19 ha così presto raggiunto anche suo padre e sua madre. Quest’ultima risulta tutt’ora ricoverata agli Spedali Civili di Brescia in condizioni gravi, ancora non sa che Agnese è andata via per sempre.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: