Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Coronavirus, nuovo picco di contagi in Germania: 50.196 in un giorno. Mai così alto da inizio pandemia

Sale a 249,1 l’incidenza su sette giorni dei casi confermati di infezione ogni 100.000 abitanti. Aumentano anche le vittime giornaliere: sono 235 e 236 nelle ultime due rilevazioni

Non si era mai registrato un incremento giornaliero di contagi tanto alto da quando è esplosa la pandemia in Germania. Secondo l’ultimo bollettino diffuso dalle autorità sanitarie, nell’ultima rilevazione è stato registrato un record di 50.196 nuove infezioni da Coronavirus. Per la prima volta in assoluto il Paese ha sfondato il tetto dei 50.000 casi giornalieri, un segno della violenza dell’ondata epidemica che colpisce il Paese, secondo l’Istituto di sorveglianza sanitaria Robert Koch. Nel frattempo sale a 249,1 l’incidenza su sette giorni dei casi confermati di infezione da Coronavirus ogni 100.000 abitanti. La curva epidemica si è alzata in modo vertiginoso negli ultimi giorni, registrando anche un incremento dei decessi legati al Covid: nell’ultimo bollettino se ne contano altri 235. La rilevazione precedente riportava 39.676 nuovi positivi e 236 decessi, con un’incidenza di 232,1 casi per 100.000 abitanti.


Dall’inizio della pandemia in Germania sono 4.894.250 le infezioni accertate con 97.198 decessi. Nella giornata di ieri Berlino ha deciso di adottare misure drastiche per contenere il contagio dilagante. A partire da lunedì, tutti i non vaccinati resteranno fuori dai luoghi di ristorazione, svago e cultura. Il Senato della capitale tedesca risponde così all’emergenza della quarta ondata. Non sarà più sufficiente dunque avere un tampone negativo per poter accedere ai luoghi pubblici. Per accedere a bar e ristoranti, cinema, musei e teatri, centri sportivi e impianti termali bisognerà dimostrare di essere vaccinati o di essere guariti dall’infezione.


Berlino segue così la strada della Sassonia che aveva adottato un provvedimento del tutto simile lo scorso novembre. Nel frattempo, oggi al Bundestag, il socialdemocratico Olaf Scholz, al lavoro per diventare cancelliere, ha spinto per due proposte: il Green pass tedesco sul posto di lavoro, sul modello italiano, e l’estensione del modello rafforzato, che prevede l’accesso a locali ed eventi pubblici solo per gli immunizzati, come già deciso per Berlino e la Sassonia appunto.

Intanto, è notizia di questa mattina, i numeri di emergenza di diversi laender tedeschi hanno smesso di funzionare per diverse ore, con segnalazioni di guasti provenienti da più parti. Il 110 (per chiamare la polizia) e il 112 (per i pompieri) sono andati in tilt dall’alba di oggi, a Berlino, nel Brandeburgo, ad Amburgo, in Bassa Sassonia, nel Baden- Wuerttemberg, nello Schleswig-Holstein e nella Sassonia-Anhalt. Per il momento non si conoscono le cause dei guasti che hanno paralizzato per alcune ore il sistema di soccorso. In alcuni distretti il problema sembra essere rientrato. Ma intanto la polizia di Berlino ha comunicato ai cittadini di rivolgersi alle stazioni locali o a un numero ad hoc (030-46644664).

Continua a leggere su Open

Leggi anche: