Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Guerra in Ucraina, lo striscione choc della curva del Verona che “invita” a colpire Napoli

A denunciare i fatti è stato lo scrittore Maurizio de Giovanni su Facebook. Sullo striscione, le bandiere di Russia e Ucraina e le coordinate della città

«Un messaggio ripugnante». A commentare lo striscione della curva sud del Verona contro i napoletani è il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. «Lo striscione contro il Napoli e i napoletani esposto dai tifosi, o presunti tali, dell’Hellas Verona è grave e va condannato da tutti, senza distinguo e giustificazioni», ha continuato il ministro nel post pubblicato su Facebook. L’immagine dello striscione, comparso nei pressi dello stadio Bentegodi di Verona poco prima della partita Verona-Napoli, è stata diffusa poche ore fa sui social dallo scrittore Maurizio de Giovanni: le bandiere di Russia e Ucraina assieme alle coordinate della città di Napoli hanno subito fatto indignare centinaia di utenti. «Un raffinato, intelligente e geografico striscione della curva veronese, che dà ai missili russo ucraini la corretta localizzazione dell’obiettivo. Per chi non lo sapesse, sono le coordinate della mia città», aveva spiegato de Giovanni, accusando di «idiozia razzista» gli autori della scritta.


«Questa guerra è reale», ha commentato poche ore dopo il ministro degli Esteri Di Maio, «non è finzione, non è un gioco. Bambini, donne, intere famiglie stanno perdendo la vita sotto i colpi mortali dell’esercito russo. Il gesto è vergognoso ed è vergognosa l’intenzione di questi pseudo tifosi». E ha aggiunto: «Non c’è ironia ma solo idiozia dietro questo striscione». A commentare quanto accaduto anche il leader della Lega Matteo Salvini: «Sulla guerra non si scherza e la rivalità tra tifoserie deve avere dei limiti», ha detto. «Lo striscione visto a Verona è grave e ingiustificabile».


Foto in copertina da FACEBOOK

Continua a leggere su Open

Leggi anche: