Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Russia, in fuga dai media. Anche la giornalista Lilia Gildeeva lascia il Paese

Dopo il caso di Ivan Urgant e Marina Ovsyannikova, un altro segno di protesta nella tv russa

L’armata rossa dei media continua a dare segni di cedimento. Dopo la protesta in diretta organizzata dalla giornalista Marina Ovsyannikova su Channel One, ora Lilia Gildeeva della rete NTV si è dimessa dopo essere fuggita all’estero in polemica con il Cremlino. Lilia Gildeeva è una delle giornaliste televisive più note in Russia. Classe 1976, lavorava come conduttrice per il programma di approfondimento Segodnya che guidava insieme al collega Alexey Pivovarov. La notizia della sua fuga è stata prima annunciata dai media ucraini, come l’agenzia Nexta Tv, e poi confermata dalla stessa giornalista. A riportare le sue parole è la Bbc che ha pubblicato delle dichiarazioni rilasciate da Gildeeva alla blogger ucraina Ilya Varlamov. In questo passaggio la giornalista ammette di aver lasciato prima la Russia e solo dopo aver dato le dimissioni dal suo posto di lavoro: «Ho lasciato la Russia prima perché temevo che non mi avrebbero permesso di andare così, poi ho presentato le mie dimissioni».


Negli scorsi anni Gildeeva aveva ricevuto diversi riconoscimenti dal Cremlino. Solo nel 2021 era stata inclusa nell’elenco dei giornalisti che Vladimir Putin ha ringraziato per aver contribuito «allo sviluppo dei mass media». E ancora nel 2008 è stata ringraziata sempre da Putin per aver contribuito attraverso i mezzi di informazione allo «sviluppo della società civile nella Federazione Russa». L’addio di Gildeeva segue quello di un altro nome parecchio noto nella tv russa: Ivan Urgant. Il presentatore dell’Evening Urgant si era dichiarato contrario alla guerra contro l’Ucraina il primo giorno dell’invasione. Il suo programma era stato subito cancellato e nei giorni successivi era stata pubblicata la notizia che Urgant fosse scappato all’estero. L’ultima dichiarazione del conduttore smentisce però, almeno ufficialmente, questa ricostruzione: «Niente panico. Mi hanno lasciato andare in vacanza e tornerò presto».


Leggi anche: