Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Gli Usa annullano i colloqui con i talebani dopo la chiusura delle scuole per le ragazze: «Traditi gli accordi»

Le lezioni sarebbero dovute riprendere lo scorso 23 marzo, ma per le alunne afgane delle scuole secondarie i cancelli degli istituti sono rimasti chiusi

Gli Stati Uniti hanno annullato una serie di incontri programmati con i talebani a Doha, a seguito del rinvio dell’inizio delle lezioni per le studentesse delle scuole secondarie, che sarebbero dovute riprendere lo scorso 23 marzo. La cancellazione dei colloqui è il primo “segnale” che gli Stati Uniti hanno voluto mandare in risposta alle ultime decisioni dell’Emirato Islamico dei talebani. «La decisione dei talebani (di vietare il ritorno a scuola per le studentesse della scuola secondaria, ndr) è stata un’inversione profondamente deludente e inspiegabile rispetto agli impegni assunti nei confronti del popolo afgano in primis, e anche nei confronti della comunità internazionale», ha spiegato un portavoce del Dipartimento di Stato americano. Di conseguenza, gli Stati Uniti hanno deciso di «annullare alcuni dei nostri impegni, compresi gli incontri programmati a Doha, e abbiamo chiarito che consideriamo questa decisione come un potenziale punto di svolta nel nostro impegno» nei colloqui.


Gli incontri tra Stati Uniti e talebani erano stati programmati per affrontare diverse questioni, tra cui l’indipendenza della Banca centrale afgana e la possibilità di stampare banconote in valuta nazionale. Inoltre, era prevista anche la discussione sulla creazione di un circuito per poter investire centinaia di milioni di dollari di finanziamenti da destinarsi al settore dell’istruzione dell’Afghanistan, attualmente custoditi in un Fondo fiduciario della Banca mondiale. Un portavoce del ministero degli Esteri afgano ha confermato che una delegazione dei talebani, incluso il ministro degli Esteri ad interim, si aspettava di recarsi a Doha per i colloqui con gli statunitensi. Al momento, l’ufficio dell’Emirato islamico dei talebani a Doha non ha rilasciato commenti.


Leggi anche: