Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«La quarta dose? Servirà a tutti gli over 80 e ai pazienti fragili, inutile aspettare l’autunno»

L’immunologo Mantovani: «L’Europa dovrebbe decidere una linea unica»

La quarta dose per Covid-19? È necessaria per gli over 80 e i pazienti fragili. Lo dice oggi il direttore dell’Istituto Humanitas Alberto Mantovani in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. Nella quale il dottore spiega che l’ulteriore booster, sul quale l’Europa non ha ancora deciso, è opportuno «oltre che per i soggetti fragili e vulnerabili di qualsiasi età, per chiunque abbia più di 80 anni. E sarebbe auspicabile che in Europa si operasse una scelta unica e condivisa in merito, evitando che ogni Paese stabilisca età diverse». Secondo il professore «gli studi su cui possiamo basarci finora sono essenzialmente due, entrambi condotti in Israele. Il primo, su un numero piccolo di persone, indica che la risposta immunitaria viene restaurata al livello in cui era nelle prime settimane dopo la terza dose. Il secondo, su oltre un milione di persone, suggerisce che la quarta dose in chi ha più di 60 anni è sicura e riduce rischio di ospedalizzazione e malattia grave».


Mantovani non nasconde che gli effetti della quarta dose possano essere di breve durata: «Ma va considerata l’efficienza del sistema immunitario nel difenderci dalle infezioni con il passare degli anni. Per fare un paragone: c’è chi a 75 o a 80 anni percorre ancora sentieri impegnativi in montagna senza grossi problemi, e chi, alla stessa età, deve camminare con il bastone in casa. Allo stesso modo il nostro “apparato difensivo” può essere più o meno in forma, quindi penso che la somministrazione sopra gli 80 anni in generale sia ragionevole perché diversi ultraottantenni possono essere assimilabili agli immunocompromessi che seguiamo e studiamo nel consorzio Vax4frail, mentre non la proporrei per persone complessivamente sane già a 60 anni».


Infine, alla domanda di Luigi Ripamonti sulla possibilità di aspettare l’autunno per avere un nuovo vaccino, risponde: «Direi di no per i soggetti fragili, sebbene sia ottimista sull’arrivo di nuovi preparati. Piuttosto in autunno sarà opportuno ribadire che, oltre al vaccino per Covid, andrà fatto anche quello antinfluenzale. Ci sono dati molto convincenti del Regno Unito che dimostrano come la coesistenza delle due infezioni aumenti moltissimo il rischio di malattia grave o gravissima. In ogni caso il problema più urgente, ancora più della quarta dose, è quello relativo ai milioni di persone che in Italia ancora non si sono sottoposti alla terza. E questo preoccupa anche in chiave long Covid».

Leggi anche: