Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La mail di Chiellini ai compagni che inguaia la Juventus

La lettera chiedeva di scegliere tra tre opzioni per gli stipendi

Una mail del capitano Giorgio Chiellini ai compagni di squadra che risale al marzo 2020 potrebbe costituire la svolta dell’inchiesta sui bianconeri. Il giocatore chiede agli altri come trovare un compromesso sugli stipendi vista l’emergenza Covid-19 e propone tre soluzioni, elaborate insieme all’altra colonna della squadra Leonardo Bonucci. «Ho parlato con Paratici e con il presidente a proposito dell’emergenza attuale, che ha creato ovviamente grandi problemi finanziari, soprattutto di liquidità. E il club vorrebbe trovare un accordo per una nostra partecipazione al momento di difficoltà», esordisce Chiellini. Che poi nella missiva rivelata oggi dal Corriere della Sera va al punto: «Credo che anche noi dobbiamo fare un passo, come stanno facendo altri club in Europa e trovare un accordo che ci permetterebbe di evitare i rischi, oltre che di dare un’immagine di squadra fatta di uomini di valore».


Chiellini cerca di farsi da tramite tra la società e i compagni di squadra. E fa loro tre proposte: la prima, «A»: «marzo 100% pagato subito; poi due opzioni. Non si gioca più, non siamo più pagati; si torna a giocare, veniamo pagati da 15 giorni prima della prima gara ufficiale». Corollario: «I pagamenti nelle prossime stagioni. Prendiamo marzo al 100% e subito e poi se non si gioca (rischio molto alto) si perde tutto il resto e nella migliore delle ipotesi prendiamo un mese o poco più pagato nei prossimi anni». La Proposta «B»: «marzo 100% nelle prossime stagioni, aprile 0%, maggio 100% nelle prossime stagioni. Giugno: se annullano il campionato 0%, se riusciamo a terminare il campionato 100% nelle prossime stagioni». Questa alla fine sarà l’opzione scelta. Proposta «C»: «marzo 100% nelle prossime stagioni, aprile 0%, maggio 100% nelle prossime stagioni, giugno 50% nelle prossime stagioni». L’ipotesi della procura è che da subito si parlò di taglio ma insieme alla dilazione o al differimento dei compensi.


Leggi anche: