Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Renzi silura la riforma della Giustizia della ministra Cartabia: «È inutile, non la voteremo»

Il leader di Italia viva: «La riforma arriverà, se arriverà, nella prossima legislatura»

«Sulla riforma del Csm siamo gli unici che non voteranno a favore. Lega e Pd, grillini e Forza Italia hanno trovato un compromesso con la riforma Cartabia. Noi non voteremo la riforma della giustizia perché non è una riforma. L’azione di Bonafede era dannosa, quella della Cartabia inutile. Meglio così, ma ancora non ci siamo». È quanto annunciato dal leader di Italia Viva, Matteo Renzi nella sua ultima Enews, in cui precisa che pur trattandosi di «un grande passo in avanti», a suo dire, permane «il vero problema dello strapotere delle correnti e del fatto che chi sbaglia non paga mai». Questo nodo, a detta di Renzi, «con la riforma Cartabia non si risolve. Le correnti continueranno a fare il bello e il cattivo tempo nel Consiglio Superiore della Magistratura». L’ex premier la definisce un «peccato, un’occasione persa», e aggiunge: «la riforma arriverà, se arriverà, nella prossima legislatura. Questo è un pannicello caldo, anzi tiepido». Al momento, il governo guidato da Mario Draghi non intende porre la fiducia sul provvedimento, mentre il presidente della Repubblica Mattarella, nelle scorse settimane, ha nuovamente sottolineato l’importanza e l’urgenza della riforma.


Leggi anche: