Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

I timori degli Usa: «L’esercito ucraino può restare senza munizioni». Kiev critica l’Ue: «Armi sbagliate e in ritardo»

Il 13 aprile, l’amministrazione Biden ha autorizzato l’invio in Ucraina del settimo pacchetto di armi, per un valore totale di 800 milioni di dollari

Gli Stati Uniti temono che le forze armate ucraine restino a corto di munizioni. Nonostante abbiano inviato al Paese 40 mila munizioni per continuare a resistere all’invasione russa, fonti dell’amministrazione avrebbero infatti riferito alla Cnn che il sostegno all’Ucraina potrebbe non essere sufficiente a contrastare le offensive del Cremlino previste nei prossimi giorni. Sarebbero in corso, a questo proposito, «telefonate quotidiane» tra il segretario alla Difesa americana, Lloyd Austin, il capo dello stato maggiore congiunto, il generale Mark Milley, e i Paesi vicini all’Ucraina, allo scopo di sollecitarli a inviare armi e rifornimenti militari in tempi stretti. Il 13 aprile, l’amministrazione Biden ha autorizzato l’invio in Ucraina del settimo pacchetto di armi, per un totale di 800 milioni di dollari.


Le critiche all’UE

«L’Ucraina ha bisogno di armi. Non tra un mese. Adesso»: a insistere sull’urgenza della situazione è anche il consigliere di Zelensky Mykhailo Podolyak, che su Twitter ha lanciato un duro attacco anche all’Unione Europea per i ritardi sulla fornitura di armi. «L’Europa ha risposto al grido d’aiuto dell’Ucraina, ma non ha inviato le armi che chiediamo e ci hanno messo troppo per arrivare», ha scritto Podolyak, concludendo: «La democrazia non vincerà giocando a questo gioco».


L’appello di Zelensky

Risale solo a due giorni fa l’appello fatto alla comunità internazionale dal presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky, che ha elencato i mezzi di cui il suo Paese ha bisogno: proiettili, pezzi di artiglieria, sistemi multipli per il lancio dei razzi, carri armati, sistemi di difesa aerei e aerei da combattimento. «La libertà dovrebbe essere armata meglio della tirannia. I Paesi occidentali hanno tutto il necessario per far sì che questo accada», aveva aggiunto il leader di Kiev.

Leggi anche: