Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo video non dimostra che gli attentati alle torri gemelle dell’11 settembre fossero una messinscena

Il video che dovrebbe sbugiardare il governo americano sugli attentati del 2001 rivela solo l’impreparazione di chi lo ha diffuso

L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione.

Ci segnalano un tweet apparso il 15 marzo e divenuto presto virale, il quale riporta una citazione che strizza l’occhio ai teorici del complotto sugli attentati dell’11 settembre 2001. È accompagnata da un filmato, che secondo la fonte svelerebbe come uno degli edifici del World Trade Center (WTC) di New York non fosse stato colpito da uno dei velivoli dirottati dai terroristi quella mattina, sembrerebbe infatti che l’esplosione avvenga senza alcun intervento esterno.

Per chi ha fretta

  • Circola un video che viene presentato come inedito riguardo l’11 settembre.
  • Nel video si vedono le due torri gemelle, ma non l’aereo che colpisce una di queste, mostrando solo l’esplosione.
  • Il video è stato manipolato.

Analisi

Ecco il contenuto del tweet:

Un video piuttosto strano è ora popolare in Occidente sui social network. «Non si aspettavano che qualcuno che ha filmato gli attacchi dell’11 settembre sul proprio cellulare JVC lo pubblicasse sui social media anni dopo. Dov’è l’aereo?».

Il tweet che sembra mettere in discussione quanto sapevamo dell’11 settembre.

La stessa frase viene citata nel sito cospirazionista russo 911.ru il 13 marzo. Troviamo la medesima clip, recante il tag @buyanTime, un canale Telegram che diffonde contenuti sensazionalisti.

La stessa citazione in un sito cospirazionista russo.

Il video circola anche via Facebook con il seguente testo: «Non hai mai pensato che le persone che hanno filmato gli attacchi dell’11 settembre con il loro cellulare JVC avrebbero postato sui social media quegli anni dopo. Non ci sono mai stati gli aerei, condividilo!!!».

Il “complotto del punto di vista differente”

Il secondo aereo non si vede semplicemente perché penetra l’edificio dalla parte opposta al punto di vista di chi ha realizzato quella clip.

Alle 8:46 Am il Boeing 767 della American Airlines (volo AA11) si era schiantato contro la Torre Nord del WTC. Alle 9:03 un altro aereo colpì la Torre Sud: era un Boeing 767 della United Airlines (volo UA175). Questa è la ragione per cui, una volta focalizzata l’attenzione dei media sul primo edificio, le telecamere di tutto i Mondo si trovano a trasmettere l’impatto del secondo aereo, come vediamo in un filmato storico della Cnn:

Nella clip in oggetto vediamo che la seconda esplosione avviene nell’edificio a sinistra mentre la Torre già colpita sappiamo essere quella Nord. Nel filmato della Cnn il secondo velivolo si dirige più in basso, proprio da una traiettoria opposta, coerente col filmato diffuso dalle fonti russe:

Il secondo aereo chiaramente non poteva essere visto dall’autore della clip in oggetto, perché partiva da una traiettoria opposta.

AGGIORNAMENTO: video alterato

I colleghi di Fake Investigation risalendo al filmato originale hanno scoperto che l’aereo da quella particolare angolazione poteva anche vedersi, infatti compariva eccome nella clip, ma è stato deliberatamente rimosso in digitale. Quindi non parliamo più di una fonte autentica decontestualizzata, ma deliberatamente contraffatta.

https://twitter.com/FAKE_Investiga2/status/1336679249793650691

Lo si può vedere chiaramente confrontando questi due frame, dove a sinistra c’è il filmato contraffatto e a destra quello dove compare il velivolo:

Conclusioni

Il filmato diffuso sui social è autentico, ma non ha niente che possa ribaltare quanto sappiamo degli attentati dell’11 settembre. Quel che vediamo è perfettamente compatibile coi fatti a noi noti, dal punto di vista di un osservatore che trovandosi dalla parte opposta, non può vedere il secondo aereo che penetra la Torre Sud.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: