Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
MONDO ArmiBasketNBAOmicidiSparatorieTexasUSAVideo

Il coach che si rifiuta di parlare di basket dopo la strage di Uvalde: «Quando faremo qualcosa per le armi?» – Il video

L’allenatore dei Golden State Warriors Steve Kerr sbotta durante la conferenza stampa pre-partita

L’allenatore dei Golden State Warriors Steve Kerr si è rifiutato di parlare di basket durante la consueta conferenza stampa di pre-partita e ha invece chiesto un maggiore controllo sulle armi dopo l’uccisione di 19 bambini da parte di un killer in una sparatoria in Texas. Kerr, sostenitore di leggi più severe sulle armi, ha detto che non avrebbe parlato delle finali della Eastern Conference dei Warriors contro i Dallas Mavericks. «Qualsiasi domanda sul basket non ha importanza…», ha detto Kerr ai giornalisti. «Negli ultimi 10 giorni, abbiamo avuto anziani neri uccisi in un supermercato a Buffalo, abbiamo avuto fedeli asiatici uccisi nel sud della California. Ora abbiamo bambini assassinati a scuola. Quando faremo qualcosa? Sono stanco di alzarmi qui e porgere le condoglianze alle famiglie devastate che sono là fuori». L’allenatore ha anche criticato i parlamentari per aver bloccato le misure di controllo delle armi: «Vi rendete conto che il 90% degli americani, indipendentemente dal partito politico, vuole controlli dei precedenti, controlli universali dei precedenti? Il 90% di noi», ha detto Kerr. «Siamo tenuti in ostaggio da 50 senatori a Washington», ha concluso.


Video e sottotitoli di Over Time Storie a Spicchi / Andrea Riva su Twitter


Leggi anche: