Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

È un suprematista bianco di 22 anni lo stragista di Copenaghen. I suoi video su YouTube. Si parla di molte vittime

Nelle scorse ore il 22enne aveva caricato diversi filmati in cui si riprendeva mentre si puntava alla testa diverse armi, tra cui pistole e fucili

Un 22enne danese è stato fermato e arrestato dalla polizia a Copenaghen, vicino al centro commerciale Field’s, con l’accusa di essere il responsabile della sparatoria avvenuta questo pomeriggio nella capitale. Il responsabile della strage sarebbe un suprematista bianco, Noah Esbensen. Il 22enne sarebbe membro di Stram Kurs, un partito politico danese di estrema destra con posizioni anti-Islam e xenofobe. Nelle scorse ore, il presunto responsabile della strage, aveva caricato su un canale YouTube diversi video in cui si riprendeva mentre mostrava e si puntava alla testa diverse armi, tra cui pistole e fucili. I video sono stati rimossi nelle ultime ore dalla piattaforma video di Google. Nella didascalia di un video intitolato “I don’t care” (“Non mi interessa“) in cui il 22enne si puntava un fucile alla tempia, si poteva leggere: «La quetiapina non funziona». Il farmaco è utilizzato prevalentemente in pazienti affetti da schizofrenia, da disturbo bipolare e per altre patologie psichiatriche. 


La sparatoria e le indagini della polizia

Nel frattempo il capo della polizia di Copenaghen, l’ispettore Soren Thomassen, in conferenza stampa ha dichiarato: «Non abbiamo informazioni che altre persone siano coinvolte, questo è ciò che sappiamo adesso». L’ispettore Thomassen ha poi aggiunto: «Diverse persone sono state colpite, ci sono morti e feriti». La polizia, al momento, non esclude che la sparatoria sia un atto di terrorismo e che il 22enne non abbia avuto dei complici. La sindaca di Copenaghen, Sophie H.Andersen, ha annunciato di avere attivato il piano di crisi: «Arrivano rapporti terribili sulla sparatorie al Field’s. Non sappiamo ancora con certezza quanti siano rimasti feriti o morti, ma è molto grave».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: