Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Cairo gela l’Inter: «Per Bremer l’offerta non basta»

Il presidente granata non lascerà partire il difensore per meno di 40 milioni. L’Inter è in pole position ma la Juventus rimane alla finestra…

Il futuro di Bremer sembra destinato a tramutarsi presto in una telenovela. Il brasiliano è stato eletto miglior difensore della Serie A, ormai dalla fine della scorsa stagione, è finito sui radar dei top club del Campionato. Inter e Juventus su tutte. Per privarsi del suo giocatore migliore però il presidente Cairo non è intenzionato a fare sconti. Dopo aver perso Belotti a parametro zero infatti il patron granata non ha alcuna intenzione di scontentare la piazza, cedendo alle richieste delle big senza incassare almeno 40 milioni di euro. Una cifra importante, destinata ad essere reinvestita sul calciomercato su nomi in grado di restituire entusiasmo alla tifoseria.


Le parole di Cairo

ANSA | Urbano Cairo, presidente del Torino

Sul futuro di Bremer, Urbano Cairo è stato chiaro. Il presidente del Toro infatti ha rilasciato alcune dichiarazioni che hanno raffreddato l’entusiasmo dei tifosi interisti. I nerazzurri infatti hanno già incontrato il Torino e l’entourage del giocatore ma, al momento, un accordo non sembra essere vicino: «Se guardo le cifre del mercato noto che Skriniar viene valutato 60-70 milioni e Bremer a 25. Non mi torna molto… Ho parlato ieri con il procuratore di Bremer e gli ho chiesto: ‘Ma se quella squadra X avesse Bremer, a quanto lo venderebbe? Mi ha risposto maggiore di quello attualmente proposto’. Bremer ha un prezzo giusto che non è stato ancora raggiunto».


«C’è una clausola rescissoria nel gennaio 2023? Il giocatore è un ragazzo straordinario e gli ho detto che, nel momento in cui l’offerta sarà adeguata lo avrei venduto e che non avrei fatto cose esagerate. Se sento parlare per Skriniar, un grande giocatore che non discuto, di 70 milioni, faccio notare che Bremer ha 2 anni di meno. Credo che Bremer valga di più dei numeri che sento».

Parole volte a convincere le pretendenti – Inter in primis – ad alzare l’offerta: «Da parte mia c’è la volontà di accontentarlo nel momento in cui la proposta sarà quella giusta. Gliel’ho promesso, ma non gli ho detto che andrà di qua o di là… Ho venduto molti giocatori e non li trattengo a tutti i costi. In questo momento però bisogna rendersi conto che Bremer è il giocatore del mercato… quello più quotato. A lui ripeto ho detto una promessa e in generalmente le promesse le mantengo».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: