Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Milan, 24 ore per De Ketelaere: blitz in Belgio per lanciare l’ultimatum al Bruges

La dirigenza rossonera vola a Bruges per provare ad arrivare alla fumata bianca. Non ci saranno ulteriori rilanci

Un altro passo. Importante. Ma non ancora quello decisivo. Non ancora. Perché per Charles De Ketelaere il Milan vuole fare sul serio ma non ha intenzione di partecipare ad un’asta per un giocatore con cui è stato già trovato un accordo da mesi. Nella mattina di mercoledì 20 luglio il Milan volerà in Belgio per provare a trovare un accordo con il Bruges per il trequartista individuato da Maldini e Massara: l’obiettivo non è riportare il giocatore in Italia ma capire se i belgi saranno disposti ad accontentarsi dell’offerta rossonera o proveranno ad alimentare un’asta. Il Milan non intende andare oltre i 35 milioni messi sul piatto. Dunque, se il Bruges dovesse far presente ai dirigenti rossoneri che le offerte Leeds o Newcastle – le altre pretendenti per il giocatore – risultano ancora migliori, il Milan abbandonerà obiettivo puntando su altri giocatori. Le prossime ore quindi si preannunciano decisive. Se la pista De Ketelaere dovesse sfumare, il primo obiettivo tornerebbe ad essere Ziyech del Chelsea.


I movimenti in difesa

EPA/Jose Manuel Vidal | Evan Ndicka durante il match di Europa League Real Betis-Eintracht Francoforte, Siviglia, Spagna, 9 marzo 2022

In attesa di individuare un nuovo rinforzo in difesa sul calciomercato – si valutano Acerbi (in uscita dalla Lazio) e Tanganga – a breve sono previste novità per quanto riguarda il recupero di Simon Kjaer. Serviranno altri 15 giorni di attesa per testare le condizioni del ginocchio del danese. Una volta capito lo stato di salute del giocatore, il Milan sceglierà se prendere un altro difensore centrale. Il nome nuovo è quello di Ndicka, classe ’99 in forza all’Entracht Francoforte. Se il difensore dovesse arrivare, a quel punto è probabile che Gabbia venga mandato in prestito in un club pronto a garantirgli una maglia da titolare, in modo da fare esperienza e tornare al Milan da giocatore totalmente pronto.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: