Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Aborto, Chiara Ferragni lancia una campagna contro Fdi dal suo Instagram: «Tempo di agire per salvare i diritti»

L’influencer attacca il partito di Giorgia Meloni, accusandolo di aver ostacolato il diritto all’aborto nelle Marche

Chiara Ferragni fa appello sui suoi social a non votare per il partito di Giorgia Meloni. Nell’ultima storia pubblicata su Instagram, l’influencer riposta un contenuto del profilo di The Vision, rivista online lanciata nel 2017 dal cofondatore di Vice Italia, Andrea Rasoli, e dedicata ai millennial italiani. L’immagine è di una stanza d’ospedale con al centro un lettino nero, quello su cui ogni donna è invitata a sedersi per sottoporsi ai controlli necessari prima di abortire. In basso, la scritta «Fdi ha reso praticamente impossibile abortire nelle Marche, che governa. Una politica che rischia di diventare nazionale se la destra vince le elezioni». Nel ricondividere la storia sul suo profilo, Ferragni aggiunge un commento: «Ora è il nostro tempo di agire e far sì che queste cose non accadano».


Una presa di posizione che non lascia spazio a equivoci sull’avversione per il partito che dal 2020 governa la regione Marche e che, da settimane in testa nei sondaggi, è tra i papabili candidati alla guida del prossimo Esecutivo. Non è la prima volta che l’imprenditrice digitale per antonomasia esprime pareri, perlopiù critici, sui politici italiani. Quasi un anno fa era stato il Ddl Zan l’oggetto di uno scontro mediatico contro i senatori che ne votarono l’affossamento: «Siamo governati da pagliacci senza palle», fu il pungente j’accuse della moglie di Fedez su Instagram, detonatore, nel giro di attimi, di polemiche durate giorni e rinfocolate proprio dai social. Come un anno fa per le discriminazioni di genere, l’imprenditrice torna oggi a schierarsi a difesa dei diritti civili, sfruttando l’enorme influenza mediatica conquistata negli anni e, verosimilmente anche stavolta, il sostegno del marito Fedez.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: