Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! L’astronauta Buzz Aldrin non ha ammesso che non siamo mai stati sulla Luna

Circolano due video della stessa intervista rilasciata dall’astronauta a una bambina, ma entrambi risultano manipolati per omettere le sue reali risposte

Dal 2 settembre 2022 circola un video dove una bambina intervista l’astronauta americano Buzz Aldrin in merito ai viaggi sulla Luna. Secondo la narrazione proposta dal video, la bambina domanda a Buzz il motivo che ci ha portato a non tornare più sulla Luna ottenendo questa risposta: «Perché non ci siamo mai stati». Il video, in realtà, risulta manipolato in maniera tale da alterare la risposta originale alimentando le teorie del complotto sull’allunaggio.

Per chi ha fretta

  • Una vecchia intervista rilasciata da Buzz Aldrin viene diffusa per sostenere che non siamo mai stati sulla Luna.
  • Il video circola in due versioni ed entrambe risultano modificate per omettere delle frasi e veicolare un messaggio falso.
  • Visionando l’intervista originale e completa, si comprende che l’astronauta americano non ha mai ammesso che non siamo mai stati sulla Luna.

Analisi

Ecco una delle condivisioni del video (da qui “Video 1”) che riporta il seguente commento:

La bambina chiede all’ex astronauta Buzz Aldrin:” Perché nessuno è stato sulla luna per così tanto tempo?” E la sua risposta è:” perché non ci siamo mai stati!”

Circola un altro video (da qui “Video 2”), pubblicato su Youtube nel 2018 e condiviso proprio nel mese di settembre 2022 nel periodo in cui si parla della missione Artemis 1. Ecco il commento presente in un post:

La bambina chiede all’ex astronauta Buzz Aldrin: “Perché nessuno è stato sulla luna per così tanto tempo ?” E la sua risposta è: “perché non ci siamo mai stati “… Difronte ad una domanda di una bambina, lui non ha potuto mentire, ormai gli fa schifo mentire… Benvenuti al matrix…

Un video datato

Non è la prima volta che questo intervento di Buzz Aldrin viene diffuso in maniera fuorviante. Accadde già nel 2018 con la pubblicazione su YouTube del “Video 2” nel canale di Dino Tinelli, il quale aveva lo aveva prelevato da un altro canale per poi sottotitolarlo. Questo era uno dei post che circolava all’epoca:

Ecco i sottotitoli presenti nel video di Tinelli:

Bambina: «Perché nessuno è più andato sulla Luna dopo tutto questo tempo?»

Aldrin: «Questa non è una domanda da chi ha 8 anni. Questa è la mia domanda, che voglio sapere. Ma penso di saperlo. Perché non l’abbiamo fatto, non siamo andati là. Ed è così che è successo. E se non è successo è simpatico sapere perché non è successo e così in futuro se continuiamo a fare qualcosa dobbiamo sapere perché qualcosa si è fermato nel passato che abbiamo voluto continuare a far andare avanti. Ma penso di saperlo. Perché non l’abbiamo fatto. Perché non l’abbiamo fatto. Perché non l’abbiamo fatto»

Il video, però, presenta un taglio molto evidente dove viene omesso un particolare.

Le parole omesse nei video

Il “Video 2” che circolava già nel 2018 risulta modificato ad arte per omettere delle parole pronunciate da Buzz Aldrin. Ad un certo punto, infatti, si nota un vistoso taglio per far ripetere all’astronauta la frase «Perché non lo abbiamo fatto» e risultando mancante il resto della risposta che possiamo ascoltare nel filmato originale pubblicato su Youtube nel 2015. Riportiamo di seguito un confronto tra il “Video 2” e l’originale:

La bambina domandava il perché non siamo più tornati sulla Luna e Buzz, di fatto, risponde in merito al ritorno senza affermare di non esserci mai stati. Ad un certo punto parla di denaro («money»), parola omessa nel “Video 2”, sostenendo che ce ne vuole tanto per tornarci e che il Presidente (all’epoca Kennedy) aveva ottenuto quello che gli americani volevano (andare sulla Luna).

Il “Video 1” riporta quanto Buzz Aldrin dice la parola «money», omettendo però tutto il resto.

Conclusioni

Il video diffuso online risulta essere stato modificato per omettere le parole pronunciate dall’astronauta americano Buzz Aldrin durante un’intervista, in modo tale da far trasmettere un messaggio falso e alimentando una teoria del complotto sull’allunaggio.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: