Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Biden bloccato nel traffico, le sneaker di Macron, gli assenti eccellenti: i leader al funerale di Elisabetta II

Il presidente americano è l’unico arrivato con una vettura privata. Molti altri capi di Stato – dal canadese Trudeau al brasiliano Bolsonaro – hanno viaggiato a bordo di una navetta vip

Presidenti, capi di Stato, re, regine e governatori generali sono arrivati ai funerali di Elisabetta II, si stima che siano circa 500, e tra non poche polemiche. Per tutti era prevista una navetta: niente jet privati o auto blu a cui sono abituati i grandi leader politici. Non è stato il caso di Joe Biden e della first lady Jill Biden. Loro, come da consuetudine, sono arrivati a bordo di The beast, la nota limousine Cadillac blindata utilizzata per motivi di sicurezza dal presidente degli Stati Uniti. Biden è stato l’unico a cui è stata data la possibilità di presentarsi all’evento con la propria auto personale. Tra chi è salito sull’autobus dei leader c’era il presidente francese Emmanuel Macron e quello brasiliano Jair Bolsonaro. Tra gli ultimi ad arrivare il il primo ministro australiano Anthony Albanese e la moglie Jodie Haydon, un onore riservato ai leader delle nazioni del regno del Commonwealth. Tra questi anche il primo ministro canadese Justin Trudeau e la controparte neozelandese Jacinda Ardern. A rappresentare la Cina c’era il vicepresidente Wang Qishan, inviato dopo un primo rifiuto di Xi Jinping. I grandi assenti (non invitati) sono stati i leader della Russia, dell’Afghanistan, del Venezuela, del Myanmar, della Siria e della Bielorussia. Alle solenni esequie non è mancato anche il nostro presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.


La limousine di Biden bloccata nel traffico e il presidente costretto a stare in piedi

Secondo quanto emerge da un video che sta circolando sui social la limousine di Biden sarebbe rimasta bloccata nel traffico di Londra subendo alcuni ritardi. Così, il presidente degli Usa e la consorte invece di essere accompagnati ai loro posti dopo il loro arrivo all’Abbazia di Westminster si sono trovati costretti ad attendere in piedi e ad aspettare prima di sedersi. Secondo il programma del Buckingham Palace i 500 dignitari si sarebbero dovuti sedere tra le 9:35 e le 9:55, mentre i Biden hanno preso posto alle 10:05, riferisce il Guardian. Il presidente degli Stati Uniti è stato così fatto sedere dietro al presidente della Polonia, Andrzej Duda, e di fronte al primo ministro della Repubblica Ceca, Petr Fiala. Accanto a Jill Biden, invece, c’era il presidente della Svizzera, Ignazio Cassis.


Le critiche sull’invito a Bin Salman

Tra gli inviti che hanno acceso più polemiche c’è sicuramente il principe ereditario saudita Mohammed Bin Salman, che ha preferito non partecipare. Dopo l’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, Bin Salman – che secondo l’intelligence statunitense è il responsabile – non è più stato nel Regno Unito. E anche questa volta ha saltato l’invito. Uno sgarbo per il nuovo Re Carlo III, che ama viaggiare spesso in Arabia Saudita.

Le sneakers di Macron

Il presidente della Francia, ieri 18 settembre, è stato fotografato mentre camminava nei pressi della Westminster Hall, dove giaceva la regina Elisabetta II, assieme alla moglie. In questa occasione, però, al posto del consueto abito formale, Macron è stato colto con un outfit casual: occhiali da sole e scarpe da ginnastica blu. E, secondo la stampa francese, si tratterebbe di un paio di sneakers del marchio di lusso JM Weston. Oggi, invece, la coppia ha indossato abiti formali per il funerale di stato della regina Elisabetta II.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: