Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Non c’è stato un coro di protesta contro Biden durante un discorso di Obama

Un coro di insulti contro il Presidente americano durante il discorso di Obama è stato aggiunto con un programma di video editing

Circola un video dove si sostiene che la folla abbia intonato il coro «fuck Joe Biden» («FJB») durante un incontro pubblico di Barack Obama. Secondo gli utenti che lo condividono, l’ex Presidente americano non sarebbe affatto riuscito a contenere la folla impedendogli di parlare.

Per chi ha fretta

  • Si sostiene che Obama sia stato sommerso da un coro di cittadini che insultavano Joe Biden.
  • Osservando i video originali, ad alta risoluzione, non c’è alcuna presenza del coro intonante «FJB».
  • La clip è stata modificata, aggiungendo l’audio, con un programma di video editing.

Analisi

«Uno dei video più belli che ho visto di recente. Obama coperto dal coro FJB incapace di contenere la folla» commenta la pagina Facebook La mia vita in Florida condividendo il video con i presunti cori.

Altri utenti commentano così:

AD UN COMIZIO DEM, IN MICHIGAN, ALLA PRESENZA DI OBAMA, DALLA FOLLA PARTE IL CORO FJB.

Audio aggiunto

Visionando i video relativi all’evento di Michigan, si riscontra l’esatto contrario: i cori erano per Obama e non contro Biden. Di fatto, il coro dove viene intonato «FJB» è stato aggiunto in un secondo momento attraverso un programma di editing video.

La vera storia

Come riportato dalla ricostruzione del New York Times, le interruzioni durante l’intervento di Obama sono state due, messe in atto da due singole persone. Una di queste era intervenuta dopo che l’ex Presidente aveva commentato l’aggressione subita dal marito di Nancy Pelosi.

Conclusioni

Il video diffuso per sostenere che Barack Obama si sia trovato di fronte a un coro di insulti contro Joe Biden risulta alterato.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: