Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Si alza la tensione in Corea, Seul risponde con 3 missili a nord, Pyongyang spara 100 colpi di artiglieria

Questa mattina la Corea del Nord ha lanciato almeno 10 missili verso Sud

La Corea del Sud ha lanciato tre «missili aria-superficie di precisione» nelle acque a nord del confine marittimo, in risposta alla Corea del Nord che questa mattina, 2 novembre, aveva lanciato almeno 10 missili di vario tipo verso Sud. Il presidente Yoon Suk-yeol aveva condannato il lancio definendolo una violazione de facto del territorio del Sud e ordinando «un’azione rapida per far pagare al Nord le provocazioni». E aveva invitato i militari a essere pronti contro ulteriori provocazioni di alto livello da parte di Pyongyang, durante la riunione convocata d’urgenza del Consiglio di sicurezza nazionale. Pyongyang li aveva testati «verso le acque fuori dalla costa ovest ed est» del paese, secondo quanto ha spiegato il Comando di stato maggiore congiunto di Seul. Uno di questi è caduto vicino alle acque territoriali del sud. Secondo quanto riferiscono i militari di Seul, citati dalla Yonhap, la Corea del Nord ha poi sparato circa 100 colpi di artiglieria nella zona cuscinetto marittima del mar del Giappone.


L’allarme sull’isola di Ulleung

«Il lancio del missile nordcoreano è molto insolito e inaccettabile, poiché è caduto vicino alle acque territoriali sudcoreane a sud della linea di confine settentrionale per la prima volta» da quando la penisola è stata divisa, ha dichiarato ai giornalisti Kang Shin-chul, direttore delle operazioni dello Stato Maggiore Congiunto. Dopo il lancio dei missili è partito l’allarme antiaereo sull’isola sudcoreana di Ulleung. L’isola è situata a circa 150 chilometri dalla città costiera orientale di Donghae. Seul ha detto che sono stati tre i missili balistici a corto raggio lanciati dall’area di Wonsan nella provincia di Gangwon verso il mar del Giappone intorno alle 8:51 di mercoledì 2 novembre. «Uno di questi è atterrato in alto mare a sud della Northern Limit Line (NLL) nel Mare Orientale», ha dichiarato lo Stato Maggiore. Si tratta dello spartiacque che limita i confini delle due Coree. Il proiettile è atterrato a 26 chilometri a sud della NLL, a 57 chilometri a est della città costiera di Sokcho (160 chilometri a nord-est di Seul) e a 167 chilometri a nord-ovest dell’isola.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: