Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Chi è Giandavide De Pau, sospettato per gli omicidi delle escort a Roma: è stato l’autista del boss Michele Senese

Il 51enne romano è stato uno dei più stretti collaboratori di Michele Senese detto «o’ pazz». Il suo nome era anche comparso nell’inchiesta «Mondo di mezzo»

L’uomo sospettato di essere il killer delle tre escort uccise nel quartiere Prati a Roma si chiama Giandavide De Pau. Rintracciato alle 5.15 per l’interrogatorio della Squadra Mobile in zona Primavalle a casa dei familiari dove si era rifugiato, il 51enne romano ha precedenti per droga, armi, violenza sessuale, lesioni, ricettazione, violazione di domicilio e due ricoveri psichiatrici. Da quanto si apprende, De Pau è un nome noto della criminalità organizzata romana e in particolare all’interno del clan di stampo camorristico dei Senese. Storicamente, infatti, sarebbe uno dei più fidati collaboratori di Michele Senese detto «o’ pazz» – condannato all’ergastolo -, tanto da essere considerato l’autista personale del boss. Dalle prime ricostruzioni, la svolta nelle indagini sul triplice omicidio di Roma sarebbe legata alla valutazione delle immagini riprese dalle videocamere di sorveglianza della zona, ma anche ad alcune testimonianze raccolte dalle forze dell’ordine nelle ultime ore. Gli inquirenti, infatti, hanno valutato gli elementi forniti da due cittadini cubani e una terza persona. Il sospettato del triplice omicidio compare anche in altre indagini, più recenti, in cui gli venivano contestati, tra gli altri, i reati di rapina, cessione di sostanze stupefacenti e minacce a pubblico ufficiale. Il suo nome era anche comparso nell’inchiesta «Mondo di mezzo» perché aveva accompagnato Senese a un incontro con Massimo Carminati a fine aprile 2013.


Foto di copertina: ANSA / LA7 | Fermo immagine del documentario “L’uomo nero”, andato in onda su La7, in cui si vedono discutere il boss di Mafia Capitale Massimo Carminati (con camicia blu) e Giandavide De Pau (con la camicia chiara) il 30 aprile 2013


Continua a leggere su Open

Leggi anche: