Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo dottore non è svenuto per un effetto avverso dei vaccini anti Covid-19

Il video risale a un periodo quando i vaccini anti Covid-19 non erano stati ancora sviluppati.

Il governo Meloni ha da poco risposto il rientro a lavoro del personale sanitario non vaccinato, nonostante il parere contrario di molti esperti in materia di Coronavirus (qui e qui). I vaccini sono fondamentali per prevenire gli effetti più gravi della malattia, tra cui la forte stanchezza che colpisce chi viene contagiato. Tuttavia, da tempo gli antivaccinisti sostengono il contrario, e diffondono l’informazione falsa secondo la quale i vaccini sarebbero responsabili di attacchi cardiaci e svenimenti. Un caso recente strumentalizzato dai no vax è la mezza maratona dei Paesi Baschi. Oggi ci occupiamo di un video in cui si vede un operatore medico, probabilmente un chirurgo, crollare e accasciarsi a terra durante un’operazione. Anche in questo caso gli antivaccinisti accusano i vaccini di aver causato il malore dell’uomo.

Per chi ha fretta:

  • Un video mostra un medico svenire mentre sta operando un paziente.
  • Gli antivaccinisti sostengono che la causa del malore sia data dal vaccino contro la Covid.
  • In realtà, il video risale a gennaio 2020, quando i vaccini non erano stati ancora sviluppati.

Analisi

Il video viene diffuso su Facebook. Nei commenti sono molti quelli che parlano di problemi cardiaci sostenendo che questi siano causati dalla vaccinazione. Di seguito vediamo uno dei post in cui appare. Nella descrizione si legge:

Malore improvviso durante un intervento chirurgico in Australia. E noi saremmo i complottisti. Prima o poi si avrà bisogno dei non vaccinati in sala operatoria!

A Open ci siamo occupati molte volte della presunta correlazione tra problemi cardiaci e vaccini. Gli studi e gli articoli cercano di metterle in evidenza sono sempre imprecisi e includenti. Qui trovate un esempio. Venendo al video. Effettuando una ricerca immagini inversa a partire dal primo frame mostrato, è possibile verificare molto rapidamente che il malore del medico non può essere stato causato dai vaccini. Il motivo? Il video è ben più vecchio della diffusione dei primi vaccini, che sono arrivati solo a dicembre 2020. Uno screenshot del filmato, infatti, appare in questo articolo di fact checking di Afp in portoghese. Come dichiarato dalla stessa testata, lo screenshot mostrato risale al 20 febbraio 2020. Tuttavia, Afp non cita la fonte originale del video.

Osservando il filmato si può notare che in alto a sinistra appaiono dei caratteri che sembrano quelli di alcune lingue asiatiche. Cerchiamo, quindi, le parole chiave del video «medico sviene in sala operatoria» tradotte in coreano, cinese e giapponese. Abbiamo fortuna con il cinese – «医生在手术室晕倒» – che ci permette di risalire alla vicenda originaria.

La vicenda originale

A raccontarla è questo articolo del sito Beijing News (salvato qui), del 17 gennaio 2020, quando la diffusione della Covid era ancora agli inizi, e dei vaccini non c’era l’ombra. Come spiegato dalla testata cinese, il medico è svenuto a causa delle lunghe ore di lavoro senza mai riposarsi, e senza avere il tempo di mangiare. L’insieme delle due condizioni gli ha causato un calo di zuccheri tale da farlo svenire. In seguito alla caduta – riporta Bj News – i colleghi si sono presi cura dell’uomo, che si è ripreso senza complicazioni. Va segnalato che il dottore non stava effettuando un’operazione legata alla Covid, ma un intervento di urologia.

Conclusioni:

Un video mostra un medico svenire mentre sta operando un paziente. Gli antivaccinisti sostengono che la causa del malore sia data dal vaccino contro la Covid. Tuttavia, in realtà il filmato risale a gennaio 2020, quando i vaccini non erano stati ancora sviluppati.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: