Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Qatar 2022, il cambio di rotta (sofferente) dei giocatori iraniani: cantano l’inno. Bordate di fischi e lacrime sugli spalti – Il video

Ieri la notizia dell’arresto a Teheran del noto calciatore Voria Ghafouri: un avvertimento sinistro a non ripetere la performance di protesta?

Questa volta i giocatori dell’Iran hanno cantato l’inno nazionale. A differenza della partita di esordio ai Mondiali in Qatar contro l’Inghilterra, quando avevano fatto il giro del mondo le immagini dei calciatori iraniani a bocche cucite, oggi all’ingresso in campo contro il Galles i giocatori hanno cambiato comportamento. Le telecamere della Fifa mostrano tutti i giocatori della nazionale cantare a bocca semiaperta le parole dell’inno, seppur senza troppa convinzione. Tutti tranne uno, l’attaccante del Bayer Leverkusen Sardar Azmoun, che si è rifiutato di cantare. Sugli spalti, alcuni tifosi hanno applaudito la scelta della squadra e cantato a loro volta l’inno. Le telecamere della Fifa, però, hanno intercettato anche diversi tifosi in lacrime, mentre diversi video comparsi sui social mostrano bordate di fischi e urla provenienti dal settore dello stadio occupato dai tifosi iraniani. Già nel match contro l’Inghilterra diversi tifosi erano entrati nello stadio con la maglietta «Woman Life Freedom» e avevano solidarizzato con la protesta dei giocatori contro il regime islamico in Iran. Ma nella giornata di ieri quest’ultimo aveva reso noto una pesante contromossa: l’arresto del noto calciatore Voria Ghafouri, arrestato con l’accusadi aver criticato il regime e i problemi della società iraniana sui propri canali social. Un avvertimento implicito ai giocatori attualmente impegnati in Qatar? Nella conferenza stampa pre-partita svoltasi sempre ieri, a dimostrazione della tensione altissima dentro la delegazione di Teheran, l’allenatore Carlos Queiroz aveva risposto con toni accesi a una giornalista che gli chiedeva quale fosse la situazione delle proteste nel suo Paese. «Perché non fate le stesse domande agli allenatori degli Stati Uniti sul ritiro delle truppe in Afghanistan e sul fatto che abbiano lasciato tutte quelle donne sole?», aveva ribattuto il Ct iraniano.


Video di copertina: TWITTER / AMICHAI STEIN


Continua a leggere su Open

Leggi anche: