«Europei nazisti, siete voi i prossimi». Il delirio bellico del propagandista Solovyov alla tv russa – Il video

In un nuovo show, l’anchorman pro-Cremlino ha lanciato invettive contro tutti i Paesi europei che sostengono l’Ucraina

Vladimir Rudolfovich Solovyov, tra i più popolari anchorman e propagandisti russi, torna a dare spettacolo in diretta televisiva, tra minacce all’Europa e inquietanti riferimenti storici. In una delle tirate ormai diventate quotidiane contro l’Occidente e a favore di Vladimir Putin, infatti, Solovyov si è lanciato contro il «nazismo dell’Europa e dei suoi più illustri rappresentanti»: a cominciare dai Paesi Baltici, passando per l’arcinemica Polonia, per finire con la Germania, dove a suo dire il nazismo sarebbe più in forma che mai. In piena trance propagandistica, Solovyov annuncia la presunta intenzione da parte russa di chiedere «ai Poli da che parte si schierano nel conflitto con l’Ucraina». E rincara la dose, proseguendo il “tour virtuale” dei nemici europei: «Lo chiederemo a tutti, lo chiederemo a Macron e ai francesi che offrono armi per uccidere i russi, lo chiederemo agli abitanti dei Paesi scandinavi, non ci dimenticheremo degli olandesi». Nella sua furia indiscriminata, Solovyov chiama in causa anche la Corte penale internazionale: «Volete un processo all’Aja? Vi giudicheremo all’Aja», urla. Spingendosi anche in un paragone azzardato: «Arriveremo all’Aja come arrivammo a Norimberga per giudicare voi bastardi». Da lì, prende il via una grottesca rassegna storica dei successi militari russi, dalla battaglia di Parigi del 1814 a quella di Berlino nel 1945. E la minaccia di replicare l’impresa. «Se nel 21esimo secolo è nuovamente necessario ricordare ai bastardi europei di trattarci con rispetto… lo faremo», è la chiosa teatrale. Il video è stato condiviso su Twitter, tra gli altri, dal consigliere del ministro degli Affari interni ucraino, Anton Gerashchenko. Che ha commentato: «Europa – attenzione! Dure minacce contro gli Stati europei e i loro leader!».


Continua a leggere su Open


Leggi anche: