Sparatoria a Parigi, Macron: «Attacco odioso contro i curdi». Il video dell’arresto dell’assalitore

Per il governo francese l’assalitore al centro curdo ha «deliberatamente preso di mira stranieri». Era appena uscito di prigione

Cresce di ora in ora il sospetto che l’attacco avvenuto questa mattina all’ingresso del centro culturale curdo Ahmet-Kaya di Parigi, in rue d’Enghien nel decimo arrondissement, sia legato a motivi di stampo razziale. Giunto sul luogo dell’attacco, che ha causato la morte di tre persone e il ferimento di altre tre, il ministro dell’Interno Gérald Darmanin ha dichiarato infatti che l’uomo fermato dalla polizia sulla scena del delitto ha «deliberatamente preso di mira degli stranieri». Mentre il presidente francese, Emmanuel Macron, ha sottolineato su Twitter come i curdi di Francia siano stati «l’obiettivo di un odioso attacco nel cuore di Parigi». E poi ancora: «Pensieri alle vittime e alle persone che lottano per la vita, alle loro famiglie e ai loro cari. Riconoscenza alle nostre forze dell’ordine per il loro coraggio e il loro sangue freddo». Secondo quanto ricostruiscono i media francesi, l’uomo che avrebbe sparato diversi colpi d’arma da fuoco ha 69 anni ed è un ex macchinista dell’Sncf – la società ferroviaria francese – ora in pensione. Gli agenti che l’hanno fermato avrebbero sequestrato l’arma utilizzata per sparare. Non sarebbe stato il suo primo arresto. L’uomo era infatti appena uscito di prigione: appena «una decina di giorni fa», secondo quanto ha confemato la procuratrice di Parigi, Laure Beccuau. L’emittente francese Bfmtv è stata la prima a rivelare che il 69enne appena un anno fa aveva attaccato, armato di sciabola, un campo migranti della capitale, ferendo quattro persone, due delle quali in modo grave. L’uomo era di conseguenza stato incriminato per violenze di carattere razzista: dopo essere stato liberato, si trovava ora «sotto controllo giudiziario in attesa del processo». Il presunto killer è egli stesso ferito, e si trova in ospedale, ma non sarebbe grave. La procura della capitale ha confermato che è stata aperta un’inchiesta con i capi d’accusa di assassini, omicidi volontari e violenze aggravate. «Il pericolo è scampato, le motivazioni del gesto restano al momento sconosciute», ha fatto sapere una fonte di polizia.


La ricostruzione

Un commerciante di un negozio vicino alla sede del centro curdo ha detto all’Afp di aver sentito sette o otto colpi di fuoco in strada: «è stato il panico totale, ci siamo rinchiusi dentro». Diversi passanti avrebbero assistito alla scena, indicando subito dopo agli agenti intervenuti il responsabile, rifugiatosi in un salone di bellezza. «Ho visto i poliziotti entrare nel salone dove c’erano due persone a terra, ferite alle gambe, nel sangue», ha detto un testimone, Emmanuel Boujenan, all’agenzia di stampa francese. La premier francese Elisabeth Borne ha espresso in un tweet «pensieri e totale sostegno alle vittime della sparatoria» e «gratitudine verso i poliziotti che hanno fermato il presunto autore di questo atto odioso».


Il possibile movente razziale e le polemiche politiche

Le notizie emerse nelle ore successive alla sparatoria sui precedenti per violenze razziste del presunto killer stanno però alimentando crescenti tensioni politiche. Sul piano dell’ordine pubblico, la polizia ha diramato una circolare per organizzare un immediato dispositivo di protezione di tutti i siti della comunità curda a Parigi. La stessa sindaca della capitale sembra avallare un nuovo movente xenofobo dietro l’aggressione di oggi, cui attribuisce una chiara matrice politica. «La comunità curda e attraverso di essa tutti i parigini sono stati colpiti da questi omicidi perpetrati da un militante di estrema destra. I curdi, ovunque essi risiedano, devono poter vivere in pace e in sicurezza. Più che mai, Parigi è dalla loro parte in questi momenti bui», ha scritto in un tweet Anne Hidalgo (del Partito socialista). Ma i residenti curdi della zona hanno improvvisato proteste per strada in città, additando il presidente turco Erdogan come responsabile dell’odio verso i curdi. In serata si sono poi verificati degli scontri tra la comunità curda e la polizia nel quartiere della sparatoria.

Foto: EPA/TERESA SUAREZ – Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin sul luogo dell’agguato – Parigi, 23 dicembre 2022

Continua a leggere su Open

Leggi anche: