PRIMO PIANO

La propaganda continua: altre foto false su Amatrice contro i migranti

David Puente - 10/01/201913:28

Continuano le immagini, scattate anche all'estero, per attaccare i "buonisti" e i migranti sfruttando il problema reale dei terremotati. Dietro l'errore c'è anche la beffa.

Non si accenna a fermare l’uso scorretto delle fotografie per parlare di Amatrice e dei terremotati con il chiaro scopo di fare propaganda sul tema immigrazione. Dopo le foto scattate nel 2017 e spacciate come odierne (trovate la nostra precedente analisi qui), bisogna precisare che alcune non riguardano nemmeno Amatrice, e in alcuni casi provengono addirittura dall’estero.

A partire dalla giornata del 9 gennaio, gli utenti hanno rincarato la dose condividendo foto come quella pubblicata dal leghista Nicola Costanzo sulla sua pagina Facebook, ottenendo un largo consenso social fino a superare le 17 mila condivisioni:

Adesso che i buonisti sono felici per l'approdo e il salvataggio di 49 sconosciuti ... adesso che non schiumano più rabbia ... Ditegli che ci sono dei nostri fratelli sotto la neve, in casette fornite dai governi precedenti che cadono a pezzi ... fratelli che sono nati qua, che hanno contribuito alla crescita di questo paese, che hanno radici talmente profonde e amore per la propria terra, da non averla voluta abbandonare ... spero che questo governo si occupi di questi fratelli. Di quaraquaqua ne abbiamo già avuti abbastanza. #primagliitaliani #primalanostragente

In realtà la foto era stata scattata in questi giorni in un campo rifugiati in Libano, dove si trovano persone che cercano altrove fortuna quanto quei 49 sconosciuti che Costanzo non accetta e che come i terremotati - tutti quanti esseri umani - hanno bisogno di aiuto (i primi a rivelarlo Valigia Blu, approfondendo la vicenda).

 La foto del campo profughi in Libano pubblicata su Lorientlejour.com

Tra le foto diffuse nei giorni scorsi c’è un’altra condivisa dallo stesso Nicola Costanzo che non riguarda affatto Amatrice. La potete osservare in questo post del 6 gennaio, la prima in alto:

In realtà la foto era stata scattata a Montalto di Cessapalombo. A renderlo noto agli utenti è stato Matteo Vergari, diciannovenne e studente di Villa di Montalto, il quale ci dichiara di aver soggiornato nella tenda presente nella foto fino al 25 dicembre 2016:

 La chat con Matteo

Un'ulteriore conferma arriva quando troviamo una foto scattata nello stesso identico luogo e pubblicata sul sito Papisa.it il 13 dicembre 2016:

 La foto della tenda pubblicata il 13 dicembre 2016 da Papisa.it

Aggiornamento ore 14:58

Dalla pagina Facebook di Nicola Costanzo è sparita la foto del campo profughi in Libano, probabilmente a causa delle segnalazioni fatte dagli utenti.

Ci segnalano anche il post Facebook del deputato della Lega Nord Francesco Zicchieri, dal 2017 responsabile di partito nella regione Lazio, dove è stata pubblicata la foto del Libano:

Loading ...
Failed to load data.