Pif contro Salvini: «È semplicemente un bimbominkia»

«Fa il bullo con un ragazzino di 13 anni», dice il regista riferendosi al ministro dell’Interno. Il riferimento è alle parole del leader della Lega su Rami, il ragazzino eroe della strage sventata del bus

«Abbiamo un ministro dell'interno che fa il bullo con un ragazzino di 13 anni. Definirlo "ministro della mala vita" forse va al di là delle sue capacità. È semplicemente un BIMBOMINKIA».

Non usa mezzi termini Pif, al secolo Pierfrancesco Diliberto – conduttore, autore tv e regista – quando parla del ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Il riferimento è alle parole al vetriolo di ieri utilizzate dal titolare del Viminale. «Vuole lo ius soli? Si faccia eleggere e cambi la legge», aveva detto ieri il leader della Lega.

Da giorni, dalla sventata strage del bus, al centro del dibattito pubblico è ritornata la questione dello Ius Soli e del conferimento della cittadinanza italiana ai ragazzini eroi di San Donato Milanese. Rami, di origini egiziane ma nato in Italia, ha parlato della chance di avere la cittadinanza italiana come di «un sogno».

https://twitter.com/statuses/1109736999160856576

Nel suo tweet Pif sceglie anche una definizione; «Bimbomikia», una parola che arriva dal gergo giovanile ed è entrata nell'uso corrente per definire qualcuno che ha atteggiamenti infantili.

L'altro riferimento usato dal regista, «ministro della mala vita», è invece l'epiteto che usa nelle sue esternazioni il giornalista Roberto Saviano per indicare lo stesso Salvini: parole per cui lo scrittore è stato recentemente querelato dal vicepremier.

In copertina Giuseppe Lami / Ansa | Il conduttore televisivo Pierfrancesco Diliberto (pseudonimo Pif) posa per i fotografi durante la presentazione della fiction Rai ''La mafia uccide solo d'estate – capitolo 2'', Roma 16 aprile 2018.